English version | Cerca nel sito:

Il Nobel per i diritti umani a Ilham Tohti

il professore uiguro condannato all'ergastolo da Pechino

Il Premio Martin Ennals, considerato il Nobel per i diritti umani, è stato assegnato al professore uiguro Ilham Tohti, studioso delle politiche etniche e religiose della Cina. Il nome di Tohti è stato anche inserito nella lista dei cinque finalisti candidati al Premio Sakharov 2016, che verrà annunciato il prossimo 27 ottobre.

Nella motivazione della giuria, formata da dieci organizzazioni che si occupano di diritti umani - Amnesty International, FIDH, Human Rights First, HURIDOCS, International Service for Human Rights, EWDE Germany, Front Line Defenders, Human Rights Watch, International Commission of Jurists e World Organisation Against Torture - si legge:
“Per due decenni ha incoraggiato il dialogo e la comprensione tra gli uiguri e cinesi Han. Ha rifiutato il separatismo e violenza e ha cercato una riconciliazione basata sul rispetto per la cultura uigura, che è stata oggetto di repressione religiosa, culturale e politica nella regione autonoma uigura dello Xinjiang”.

Nel 1994 Tohti è entrato nel mirino delle autorità cinesi per i suoi lavori sulle discriminazioni che avvenivano nello Xinjiang. Dal 1999 al 2003 è stato allontanato dall’insegnamento e gli è stato proibito di pubblicare i suoi scritti. Per questo motivo il professore si è “spostato” sul web, dove ha creato il sito uyghurbiz.net per incoraggiare il dialogo tra uiguri e cinesi. Le autorità hanno più volte oscurato la pagina e arrestato le persone che vi scrivevano, ma Tohti non ha mai abbandonato il suo lavoro. È stato per questo arrestato nel 2009, dopo aver condiviso informazioni sull’arresto e la sparizione di diversi uiguri che avevano manifestato contro il governo cinese.
Sottoposto più volte agli arresti domiciliari, nel 2014 Tothi è stato condannato all’ergastolo da Pechino con l’accusa di incitamento al “separatismo”.

Alla notizia della candidatura al premio, la figlia di Tohti ha dichiarato che l’unica arma del padre “nella sua battaglia per i diritti umani è stata la parola: pronunciata, scritta, diffusa e postata”.

Tra i finalisti del premio Martin Ennals figuravano anche Razan Zaitouneh, attivista per i diritti umani in Siria, rapita nel 2013 insieme a suo marito e ai suoi collaboratori, che nel 2015 Gariwo ha onorato con un albero e un cippo al Giardino dei Giusti di Milano, chiedendone la liberazione insieme alla sorella Rana, e i blogger etiopi di “Zone 9”, che hanno documentato le violazioni dei diritti umani nel loro Paese e denunciato la situazione dei prigionieri politici.  

14 ottobre 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto