English version | Cerca nel sito:

"L'uomo non può essere una merce"

le parole di Nadia Murad

“Ho parlato così tanto dei crimini dello Stato islamico che mi sono stancata, visto che non c’è nessuna azione effettiva a livello internazionale. Ho parlato della storia della mia comunità, soggetta a un vero e proprio genocidio, e di tutte le comunità di Iraq e Siria. Ho parlato di 6mila donne e bambini yazidi che sono stati sottoposti alla schiavitù spirituale, sessuale e fisica. Ho parlato quindi di me stessa”.

Con queste parole Nadia Murad si presenta al pubblico del Festival dei Diritti Umani di Milano. Nadia è una giovane yazida che, dopo tre mesi nelle mani dei miliziani dell’Isis, è riuscita a scappare dai suoi carnefici. È stata comprata e venduta da Daesh, ha subito violenza collettiva e individuale ed è stata testimone diretta del massacro della sua famiglia.

Nadia racconta cosa significa vivere sotto lo Stato Islamico oggi: villaggi distrutti, uomini massacrati, donne e bambini resi schiavi. I giovani non possono studiare, ma vengono anzi educati secondo il pensiero terroristico, per uccidere i loro padri e fratelli considerati “infedeli”, per operare contro l’umanità. Chi si oppone viene fucilato, come i sei fratelli di Nadia. “È accaduto tutto questo nella gran parte dei nostri territori, e sono già state ritrovate 37 fosse comuni. Le autorità irachene e la comunità internazionale hanno considerato tali elementi come prova sufficiente della commissione di genocidio ai danni della mia comunità, ma ancora oggi 3500 donne e bambini yazidi sono vittime di schiavitù”.

Il racconto della giovane trova spazio anche per ricordare il patrimonio culturale che è stato distrutto dai fondamentalisti - da Palmira in Siria alle città del Nord dell’Iraq, alla chiesa di Santa Maria e altri luoghi di culto di diverse comunità.

“Siamo di fronte a crimini contro l’umanità, che non dovrebbero più avere luogo nel 21esimo secolo. - prosegue Nadia - I cadaveri dei miei fratelli, dei miei parenti, di chi viene ucciso, non possono rimanere esposti all’aria senza essere sepolti. Le campane delle chiese delle nostre città non devono fermarsi. L’uomo non può essere una merce, non può essere privato della sua libertà”.

Nadia chiede alle grandi nazioni di rispettare i loro doveri morali, tutelando le minoranze come quella yazida e portando i carnefici dello Stato Islamico di fronte alla Corte Penale Internazionale. Ma chiede anche agli stessi musulmani di essere i primi ad affrontare il pensiero distruttivo fondamentalista, anche con un’analisi attenta delle dottrine dell’Islam. Tanti crimini sono stati commessi in nome della religione, ricorda Nadia, e oggi molti di questi crimini avvengono in nome dell’Islam. Tuttavia “il mondo non deve sbagliarsi confondendo i concetti. Sono molti musulmani che vogliono il bene per l’umanità intera, e che per questo diventano i primi bersagli del terrorismo. Confondere i concetti è un delitto, non minore di quelli degli estremisti”.

Il suo è un monito a non diventare vittime di ideologie di terrore e razzismo, e ad aiutare chi fugge in Europa lasciando la propria terra e spesso morendo nel Mediterraneo o nei lunghi tragitti verso la salvezza.
“Una persona che scappa dalla morte - ricorda Nadia - non può trovarsi di fronte ad altra morte. Chi è fuggito dal genocidio non può trovare le porte del mondo chiuse davanti a sè o ai suoi figli”

Martina Landi, Redazione Gariwo

5 maggio 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Intervista a Marek Edelman

Intervista di Gad Lerner

La storia

Sunila Abeysekera

cantante e attrice per i diritti delle minoranze