English version | Cerca nel sito:

La rivoluzione arriva in Malesia

proteste per elezioni trasparenti

In Malesia sboccia la "Rivoluzione dell'Ibisco". Ottanta organizzazioni non governative si sono riunite in un movimento, "Berish 2.0" che vuole chiedere parità di trattamento per tutti i partiti nelle elezioni del 2012.

Il nome del gruppo deriva da un vocabolo che in lingua malay significa "trasparente".

Il movimento ha organizzato una manifestazione di protesta a Kuala Lumpur a cui il primo ministro Rafaz, esponente di un partito al potere dal 1957, non vuole dar credito. Ci sono stati più di mille fermati tra i manifestanti e un morto. La polizia ha reagito con gas lacrimogeni.

Al potere dall'indipendenza del Paese c'è la United Malays National Organization, il partito espressione della maggioranza malay e musulmana.


(Foto di Supermilus)

14 luglio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

La storia

Massoud Benhoud

Il giornalista perseguitato per la sua voglia di verità