English version | Cerca nel sito:

Le rotte dei migranti

in fuga dalla povertà e dalla guerra

Il benessere europeo, nel quale l'Italia era inserita a pieno titolo per appartenenza di "blocco" e per sapienza produttiva dei suoi abitanti, ma che generazioni di politici non hanno saputo far fruttare o almeno conservare, attrae ormai milioni di persone affamate, torturate, perseguitate da regimi dittatoriali o dalle prospettive economiche e occupazionali incerte. 
Nelle mani di negrieri spietati - ultimamente sono aumentati i casi di rifugiati frustati e gettati a mare, sono cresciute le stazze della navi e si sono registrati incrementi nella composizione e nel fatturato della mafie - cittadini siriani, eritrei, libici, somali, iracheni e di altri Paesi devastati da crisi umanitarie finiscono spesso con il naufragare con tutti i loro sogni e il loro carico di speranza. 
È successo nel 1996, quando dei soccorsi si sono occupati i coraggiosi siciliani di Porto Palo, e poi ancora nel 2003, nel 2011 (tre casi particolarmente inquietanti, ricorda l'emittente inglese BBC) e quest'ultimo 3 ottobre di sangue


Somali, eritrei ed etiopi

Vediamo da dove vengono: prima di tutto dal Corno d'Africa. Da qui emigrano attraversando la Libia, un Paese che attualmente è alla disperata ricerca di nuove istituzioni dopo Gheddafi e non sa attuare controlli capillari. I somali fuggono da un altro Stato caduto in pezzi, ormai in stato di anarchia e preda dei criminali dal 1992. Eritrei ed etiopi fuggono dalla dittatura e dalla guerra.

Poi ci sono coloro che scappano attraverso l'Egitto, soprattutto dalla Siria, dove sono state usate proprio di recente le armi chimiche contro i civili, che raggiungono solitamente la Bulgaria per poi giungere in Calabria o Sicilia.


Dall'Africa e dall'Asia passando per il Medio Oriente


Inoltre ci sono i senegalesi e i gambiani dell'Africa occidentale e infine l'intrico di popoli e di sofferenze del Medio Oriente: i migranti fuggono dall'Afghanistan, dal Pakistan, dall'Iraq, dalla Siria della guerra civile, e ancora dall'Afghanistan e dal Bangladesh


L'accoglienza nel Sud Italia

Nella sola Sicilia tra il primo gennaio e il 30 settembre sono sbarcati 14.468 disperati. Nello stesso periodo a Lampedusa ne sono giunti oltre 11.000. Sommando queste cifre con il numero di coloro che sono sbarcati in Calabria e Puglia si arriva a trentamila, quasi tutti con il diritto d'asilo a norma di leggi e convenzioni internazionali perché perseguitati. Tutti sfruttati dalla malavita internazionale, che ormai ha disponibilità di grandi imbarcazioni e non si tira indietro di fronte a niente. Nel silenzio dell'Europa, nell'inadeguatezza dell'Italia dove spesso viene chiamato "eroe" chi fa il suo dovere, come i tecnici della Concordia, e viene trattato come un delinquente chi fa salire sulla sua barca persone che rischiano di annegare. 

Perché queste parole di dolore non suonino retoriche e non si dissolvano domani in sterili contrapposizioni politiche o nell'oblio, è utile forse ricordare il dramma di questi rifugiati da Sud e dall'Est del mondo attraverso la musica, con la canzone di Tesfay Mehari, un artista eritreo che piange la sua donna morta nei mari italiani. 

4 ottobre 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Darfur

di Uwe Boll, 2009 (VM 14)

La storia

Hashem Aghajari

storico perseguitato per aver criticato gli ayatollah