English version | Cerca nel sito:

"Liberate gli oppositori"

proteste davanti al Municipio di Mosca

Da qualche giorno una ventina di manifestanti si radunano attorno al Comune di Mosca per chiedere la liberazione degli esponenti del gruppo liberale capeggiato da Boris Nemtsov, in carcere dal 31 dicembre.

Gli attivisti reggono uno alla volta uno striscione su cui si legge "Liberate gli oppositori". Può farlo soltanto una persona alla volta per non incorrere nel reato di manifestazione, che prevede pene molto severe. 

"Nell'era Putin manifestare è assolutamente legale, denunciare errori e reati degli uomini al potere è perfino meritorio come è scappato una volta di dire al presidente Medvedev - scrive Nicola Lombardozzi su La Repubblica. I dissidenti non rischiano di finire in un gulag né di sparire nel nulla. Lo stesso Nemtsov uscirà di galera il 15 mattina, pagherà la sua multa di poche centinaia di euro, e tornerà a scrivere i suoi libri di denuncia e a gestire il suo movimento Solidarnost che vuol dire Solidarietà e che si ispira chiaramente alla Solidarnosc polacca di Walesa. 'Ma il logoramento è continuo. Pianificato in maniera scientifica - spiega ancora Bilunov - C'è sempre una scusa, ridicola ma legalmente inoppugnabile, per negare l'autorizzazione a una manifestazione, per spaventare quelli più sensibili o meno coraggiosi. Oppure per fermare quelli veramente pericolosi come sarebbe Khodorkovsky, ricco famoso e intelligente. Lui devono per forza tenerlo dentro'.

Eppure il fragile movimento dell'opposizione russa continua, inesorabilmente a crescere. Non che faccia paura al governo, ma cresce. Soprattutto quando al termine di interminabili dibattiti interni tenuti per strada 'dove è sicuro che nessuno ci intercetti' si è deciso di fare fronte comune tra schieramenti totalmente opposti. E da un po' di tempo le manifestazioni del 31 del mese che servono a ricordare l'articolo 31 della Costituzione ("Libertà di assemblea per tutti i cittadini") vedono sempre più partecipanti in tutte le città anche dell'Estremo Oriente".

10 gennaio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto