English version | Cerca nel sito:

"Liberate Hada", attivista mongolo in Cina

la denuncia della moglie Xinna

Era il 1996 e Hada, che come molti dei mongoli che vivono in Cina usa solo il suo nome, fu arrestato e condannato a quindici anni di prigione per avere condotto attività di separatismo e spionaggio e per avere supportato la  Coalizione Democratica della Mongolia, che si batte per i diritti delle minoranze mongole in Cina.

Oggi la moglie Xinna denuncia le cattive condizioni di salute del marito, in carcere ormai da 17 anni. Dal 2010 infatti, scaduta la sua pena detentiva, Hada è stato trattenuto dalle autorità cinesi, e ora versa in uno stato di depressione.

La moglie si appella alla comunità internazionale per ottenere la scarcerazione dell'uomo, che secondo i medici dovrebbe essere trasferito in una struttura per la salute mentale. Le autorità cinesi si rifiutano di rilasciarlo, e anzi controllano costantemente la sua famiglia.

Xinna è stata arrestata nel 2010 insieme al figlio Weilesi, per motivazioni fittizie. I due, ora scarcerati, vivono in una condizione molto simile agli arresti domiciliari. La loro casa è circondata da telecamere. "Se voglio uscire di casa - racconta Xinna - ho bisogno dell'approvazione delle autorità e vengo seguita dalla polizia".

In Cina la "questione mongola" è molto sentita. L'etnia mongola è solo il 20% della popolazione, ma negli ultimi anni nella Mongolia Interna è cresciuto lo sfruttamento di miniere di carbone, con un conseguente arrivo di manodopera cinese. I mongoli, dediti soprattutto alla pastorizia, si sentono ormai una minoranza minacciata
  La preoccupazione del governo cinese è dovuta alla somiglianza delle proteste della Mongolia Interna a quelle che avvengono in Tibet e nello Xinjiang, Le famiglie dei dissidenti sono costantemente oggetto di monitoraggio, arresti domiciliari e detenzioni.

15 ottobre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

To Kill a Priest

di Agnieszka Holland (1988)

La storia

Fannie Lou Hamer

Attivista per i diritti civili e politici dei neri