English version | Cerca nel sito:

Liberate Liu Xiaobo

lettera di 134 Premi Nobel

Una lettera rivolta a Xi Jinping, futuro Presidente cinese, e firmata da 134 Premi Nobel per la letteratura, la chimica, la fisica, la medicina e la pace chiede la liberazione di Liu Xiaobo e di sua moglie Liu Xia.

"La caratteristica specifica - si legge nella lettera - che ha portato al nostro riconoscimento come Premi Nobel nelle dverse discipline è quella di aver scelto il potere della nostra libertà intellettuale e l'ispirazione creativa per fare la nostra parte nel progresso della condizione umana. Nessun governo può restringere la libertà di pensiero e di associazione senza avere un effetto in una tanto importante innovazione umana".


Il comitato per la liberazione è guidato dall'Arcivescovo Emerito di Cape Town Desmond Tutu, Nobel per la Pace 1984, e dal Nobel per la Medicina 1993 Sir Richard Roberts, e ha visto l'adesione di figure come il Dalai Lama (Premio Nobel per la pace 1989), Mario Vargas Llosa (Premio Nobel per la Letteratura 2010) e Toni Morrison (Premio Nobel per la Letteratura 1993). 


Liu Xiaobo è un intellettuale cinese di rilievo, attivista democratico, ed è l’unico assegnatario Premio Nobel al mondo ad essere imprigionato. Sua moglie Liu Xia si trova agli arresti domiciliari senza alcuna condanna, e più volte le è stato negato il diritto di visitare suo marito.


Liu è stato condannato a 11 anni di carcere per "incitamento alla sovversione", dopo aver partecipato alla scrittura di Carta '08, un manifesto politico che promuoveva riforme democratiche pacifiche e invitava il governo cinese a rispettare i diritti umani e a cancellare la regola del partito unico. Nel 2010 gli è stato conferito il Premio Nobel per la Pace per la sua “lunga lotta non violenta per i diritti fondamentali in Cina”.


In una dichiarazione pubblicata insieme alla lettera, Desmond Tutu spiega che "il nostro sforzo non è quello di imbarazzare la Cina, ma piuttosto di implorare il governo a prendere un diverso approccio che potrebbe aiutare la Cina a sviluppare nel modo migliore tutto il suo popolo".

5 dicembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Borderlife

Dorit Rabinyan

Multimedia

Le parole di Pinar Selek

"la parola chiave? Resistenza"

La storia

Ahmad Batebi

studente perseguitato dal regime degli ayatollah