English version | Cerca nel sito:

Libertà (?) di stampa

un traguardo ancora da raggiungere

Oggi è la Giornata mondiale della libertà di stampa, istituita dall'Unesco nel 1993 per sensibilizzare su questo tema così delicato. Sono moltissimi infatti i giornalisti uccisi per aver cercato di fare bene il loro lavoro. 

Nel Giardino dei Giusti di tutto il mondo ne ricordiamo due: Anna Politkovskaja, assassinata nel 2007 mentre stava rientrando a casa per i suoi reportage sulla Cecenia, e Hrant Dink, che in Turchia dal suo mensile bilingue Agos era una voce per il dialogo turco- armeno e dava spazio anche al tema del genocidio armeno.


Oggi la libertà di stampa è un diritto garantito solo per una persona su sei. Sono già 43 i reporter uccisi dall'inizio del 2012. Nel 2011 erano stati 102 e nel 2010 erano 101.  Secondo un rapporto pubblicato dal Commitee to Protect Journalist (CPJ) L'Eritrea è il Paese dove c'è maggiore censura per i Media, seguito dalla Corea del Nord, dalla Siria e dall'Iran.


Secondo il Comitato in Eritrea sono permessi solo i media di stato, che operano sotto il controllo del Ministero dell'Informazione, dal Governo giungono indicazioni su come offrire la copertura giornalistica degli eventi.


Anche internet è sotto controllo:l'accesso al web è fornito solo grazie a un provider di stato ed è a disposizione di pochi: un piano per aumentare la connettività del Paese si è arenato con la Primavera araba.


Il Pakistan è uno dei Paesi più pericolosi al mondo: solo nel 2011 sono stati uccisi almeno 15 giornalisti. Il 17 gennaio di quest’anno Mukarram Aatif, giornalista di Dunya TV e di Radio Deewa, è stato assassinato dai talebani pachistani durante la preghiera della sera nella città di Shabqada, nei pressi di Peshawar.


In Sudan il governo spesso sequestra i giornali. Nell'Ex Unione Sovietica il dissenso viene soffocato e anche in Bielorussia le proteste post elettorali hanno posto i giornalisti nel mirino della repressione.

3 maggio 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Malala parla all'Onu

In occasione del suo 16esimo compleanno

La storia

Anna Politkovskaja

assassinata a Mosca per aver denunciato l'orrore della guerra in Cecenia