English version | Cerca nel sito:

"Mio marito in carcere perché difende la libertà di stampa"

appello di Yara Bader per il rilascio di Mazen Darwish

Mazen Darwish, il giornalista in carcere in Siria

Mazen Darwish, il giornalista in carcere in Siria United States Commission for International Religious Freedom

La giornalista siriana Yara Bader, co-direttrice insieme al marito del Syrian Center for Media and Freedom of Expression, ha scritto una lettera al giornale inglese The Guardian per chiedere che il coniuge, in carcere da oltre un anno, sia liberato. 

"In un Paese in cui tutto è vietato fuorché applaudire, tutto è subordinato alla sicurezza, il cui controllo è in mano a pochissimi, e nessuna delle parti in lotta riconosce la libertà di stampa, mio marito è in carcere in condizioni disumane perché parla un linguaggio diverso dagli altri, un linguaggio in cui le parole diritti umani, etica professionale e libertà d'espressione hanno ancora valore". 

Secondo il Gruppo di lavoro Onu sulle detenzioni arbitrarie, Mazen Darwish è stato prima sequestrato illegalmente per nove mesi, durante i quali è stato gravemente torturato, e poi deferito alla prigione centrale della città di Hama. 

Per le autorità siriane il centro da lui diretto avrebbe violato l'articolo 8 della Legge antiterrorismo, "destabilizzando la situazione interna in modo tale da assicurarsi che le organizzazioni internazionali condannassero la Siria nei principali forum diplomatici".

In realtà lui aveva semplicemente dichiarato, a proposito di una legge dell'8 marzo 1963 che proibiva ogni tipo di riunione, di opinioni politiche diverse da quelle del regime e di giornalismo indipendente: "Ci sarà un giorno in cui nessun gruppo, governo o regime deterrà il monopolio della verità o la nasconderà in tutto o in parte, perfino in tempi di muri d'acciaio, ideologie unilaterali e società chiuse". 

Secondo la moglie, Mazen Darwish si ispirava direttamente a giornalisti come Edward R. Murrow, il reporter USA che smascherò le trame repressive del Senatore McCarthy, e i redattori di Charlie Hebdo, che oggi tutti compiangono. Inoltre, condivideva il bisogno di profonda umanità espresso da Chaplin nel celeberrimo monologo conclusivo del film Il Grande Dittatore

Yara Bader conclude scrivendo: "Con le parole, resisteremo a questa realtà come prigionieri del tempo, perché quando difendiamo persone come queste, difendiamo l'umanità, un ideale che non perirà mai". 

Mazen Darwish ha vinto il premio Scrittore di Coraggio del PEN Club Internazionale nel 2014. È stato ricordato anche da Rana Zaitouneh quando è venuta in Italia per la Giornata europea dei Giusti a Milano e ha chiesto con Gariwo la liberazione della sorella Razan

26 marzo 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto