English version | Cerca nel sito:

Monumento per le vittime gay del nazismo

sorgerà a Tel Aviv, primo in Israele

Nel centrale parco Meir di Tel Aviv sarà eretto un monumento dedicato agli omosessuali assassinati dai nazisti. Come rivela Haaretz, il progetto prevede un triangolo rosa in cemento inserito in un altro di colore bianco, a ricordo del marchio di stoffa di quei colori che veniva cucito sulla casacca dei prigionieri gay dei lager. Le lesbiche invece venivano contrassegnate con un triangolo nero, perché per Hitler erano "asociali".
Vicino all'opera un'epigrafe informerà i passanti dello sterminio dei gay a opera dei nazisti. Secondo i dati storici i deportati omosessuali furono circa 50 mila, e nei lager ne morirono tra i 7 mila e i 10 mila

5 settembre 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Fuocoammare

di Gianfranco Rosi

La storia

Hashem Aghajari

storico perseguitato per aver criticato gli ayatollah