English version | Cerca nel sito:

"Non temo la morte ma di perdere la battaglia"

addio a Mo, voce del dissenso in Libia

Mohammad Nabous detto Mo, ha fondato la web-tv di Bengasi Lybia Alhurra ed è stato ucciso in diretta, per aver cercato di denunciare il regime di Gheddafi.

Mo stava raccogliendo prove contro le false dichiarazioni di cessate il fuoco del Rais. L'attivista diceva sempre: “Non ho paura di morire, ho paura di perdere la battaglia”.



Il ruolo dei social network è molto importante nelle proteste nel mondo arabo: secondo uno studio di Al Jazeera ad oggi i post twittati in Libia sono stati quasi 95.000, in Egitto 43.300; più staccati, Bahrain con 15.000 tweet e Yemen con quasi 9.000. Il 40% dei tweet sono stati inviati grazie a dispositivi mobili.

28 marzo 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Libia

Francesca Mannocchi e Gianluca Costantini

Multimedia

Sulle sue spalle

il film su Nadia Murad

La storia

Mary McLeod Bethune

instancabile combattente per i diritti degli afroamericani e delle donne