English version | Cerca nel sito:

Palmira, oasi nel deserto del fanatismo

a rischio sito Patrimonio dell'Umanità

Una foto scattata nel 2014 delle rovine di Palmira, risalenti a 2000 anni fa

Una foto scattata nel 2014 delle rovine di Palmira, risalenti a 2000 anni fa Credit Joseph Eid/Agence France-Presse — Getty Images

Alcuni dei resti antichi più significativi del mondo, al crocevia tra le culture greca, romana, persiana e islamica, sono minacciati dagli estremisti dello Stato Islamico. Gli abitanti di Palmira hanno spiegato ai giornalisti del New York Times di trovarsi in uno stato di profonda angoscia. Molti di loro stanno cercando di fuggire dai quartieri a nord, mentre in lontananza si sentono già esplosioni e colpi di artiglieria. Un ragazzo di nome Mohammed ha chiesto ai reporter: "Pregate per noi, pregate per la pace", a riprova del fatto che anche in queste aree martoriate vive gente pacifica e non fondamentalista. 

Il "soprintendente ai beni archeologici" siriano Maamoun Abdulkarim ha detto che i tesori di Palmira, Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, sono a rischio distruzione, e "se questo avviene sarà una catastrofe globale". Per gli estremisti Palmira rappresenta uno snodo dell'autostrada per Deir es Zor, che intendono bloccare per accaparrarsi le risorse energetiche (in particolare gas) dell'area, in un momento in cui Assad sta perdendo il controllo di numerose aree tra cui il nord, con la città di Idlib.  

Mentre infuria l'implacabile guerra civile che sta devastando la Siria, sui resti di Palmira vigilano persone come Khaled al-Homsi, un attivista anti-governativo che controlla i danni e i furti contro il patrimonio artistico. Secondo lui tutte le parti in causa sarebbero colpevoli di danneggiare il sito archeologico. Homsi (uno pseudonimo scelto per sicurezza) ha dichiarato che i responsabili del museo di Palmira stanno già evacuando le opere, mentre nessun ordine di lasciare la città sarebbe stato impartito alla popolazione.  

Abbiamo visto, nell'indifferenza internazionale, bombardare le chiese armene di Deir Es Zor, distruggere e saccheggiare i resti di Mosul, radere al suolo monumenti e statue. Possiamo almeno intervenire per Palmira, che oltre a essere Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO rappresenta i resti di uno dei più antichi centri urbani, sorto come oasi nel deserto? Possiamo intervenire per salvare questo splendido esempio di arte classica, celebrato anche dai più famosi viaggiatori del 17° e 18° secolo? Che cosa bisogna fare per risvegliare le coscienze davanti alla distruzione della bellezza, quella che, secondo autori come Todorov, "salverà il mondo"?  

15 maggio 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto