English version | Cerca nel sito:

Premi Sacharov riuniti a Bruxelles

su invito di Jerzy Buzek

Il 23 novembre, il Presidente del Parlamento europeo Jerzy Buzek ha invitato i vincitori dell'ambito riconoscimento e altri attivisti per la democrazia a discutere del ruolo delle nuove tecnologie nella difesa dei diritti umani. 
All'incontro hanno partecipato Hauwa  Ibrahim, Wei Jing Sheng, Salih Mahmoud Osman, Alecsandr Milinkievic, il network Reporter senza frontiere, Zhanna Litvina  dell'Associazione bielorussa dei giornalisti, Taslima Nasrin, Salima Ghezali, Leyla Zana, Le Dame in Bianco cubane e la rivista bosniaca Oslobodjenje.

Il Premio Andrej Sacharov è stato istituito dal Parlamento Europeo per onorare la libertà di pensiero, in memoria dello scienziato russo vincitore del Premio Nobel per la Pace nel 1975 per le sue denunce del potere sovietico e deceduto nel 1989.  

Jerzy Buzek ha inaugurato la sessione invocando un coinvolgimento più profondo dell'Unione Europea nella tutela e nella promozione dei diritti dell'uomo e una politica estera comune. "La politica estera è più della somma degli interessi nazionali", ha dichiarato. Buzek ha poi invitato i vincitori del premio Sacharov a cooperare più strettamente tra loro. Sul ruolo di Facebook e Twitter nella lotta per la democrazia e in particolare durante la Primavera araba, il Presidente del Parlamento europeo ha affermato: "Non so se sia un bene o un male avere questi strumenti, che a volte diventano armi nelle mani degli oppressori. I regimi vengono rovesciati non dai social network, ma dallo spirito umano".    

30 novembre 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Dove la terra brucia

Giuseppe Galeani e Paola Cannatella

Multimedia

Malala parla all'Onu

In occasione del suo 16esimo compleanno

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo