Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Processati i responsabili dell'omicidio di Victor Jara

attivista di sinistra ucciso nel Cile di Pinochet

Il Reverendo Martin Luther King usava dire: "L'arco dell'universo morale è lungo, ma inclina verso la giustizia". 45 anni ci sono voluti per una speranza di giustizia nel caso di Victor Jara, musicista popolare e attivista cileno assassinato per ordine del generale Augusto Pinochet a pochi mesi dal colpo di stato del 1973.

A Santiago del Cile, il giudice Miguel Vázquez ha condannato a 15 anni di detenzione otto militari in pensione e un ex direttore carcerario, Littré Quiroga Carvajal. Un nono uomo è stato condannato a 5 anni per aver collaborato a occultare le prove del crimine. 

In Florida, la famiglia Jara è riuscita a portare davanti alla giustizia un altro responsabile dell'assassinio del "Bob Dylan cileno", l'ex militare Pedro Pablo Barrientos Nuñez. Barrientos, che era riparato negli USA e aveva preso la cittadinanza americana, si dichiara "vittima di una persecuzione politica", ma forse, secondo il New York Times del 18 novembre 2018, l'arco morale non ha ancora smesso di inclinare verso la giustizia. 

Testimoni del processo in corso in Florida hanno infatti riconosciuto in Barrientos il comandante della retata dello stadio, in seguito alla quale, diversi giorni dopo, il cadavere di Jara fu ritrovato insieme a molti altri vicino a un vecchio cimitero. Gli avevano sparato due volte nella testa e 44 volte nel resto del corpo. La moglie Joan, di origine inglese, riuscì a ricomporre il corpo e a seppellirlo, prima di rientrare in Gran Bretagna con i figli.

Victor Jara era un fervente sostenitore del governo dell'Unità Popolare di Salvador Allende, e per il suo impegno sociale e culturale a favore degli ultimi entrò presto nel mirino delle autorità golpiste. Fu arrestato all'Università tecnica di Santiago, dove insegnava Teatro, insieme con numerosi altri studenti e professori, e rinchiuso nello Stadio del Cile. Fu quindi portato in un sotterraneo e torturato a morte. Dal 2003, lo stadio della capitale cilena porta il suo nome.   

Uno dei suoi versi recita: 

Non canto per compiacere nessuno 
Non canto per ottenere fama all'estero 
Ma canto per questo stretto Paese 
Al centro della terra.

Victor Jara è onorato con un albero nel Giardino dei Giusti di Benevento.

23 novembre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

La storia

Lydia Cacho

Giornalista e attivista per i diritti delle donne