English version | Cerca nel sito:

Quanti sono i morti delle proteste arabe?

in Siria la repressione continua

Immagine via satellite delle proteste al Cairo, 10 febbraio 2011

Immagine via satellite delle proteste al Cairo, 10 febbraio 2011

In Siria nelle ultime 24 ore sarebbero state uccise almeno 19 persone. Lo hanno riferito alcuni testimoni. Dieci persone sono morte a Hama, a nord di Damasco, e sette a Idleb, nella Siria occidentale. Un attivista ha anche riferito della morte di altri due civili, senza fornire altri dettagli. Testimoni hanno raccontato alla televisione panaraba Al-Arabiya, che le forze di sicurezza hanno arrestato decine di artisti e intellettuali che a centinaia hanno sfidato il divieto di manifestare nel centro di Damasco. 

Quanti sono i morti delle proteste arabe?

Il giornale inglese Economist ha cercato di scrivere un bilancio delle vittime di queste rivoluzioni arabe. Chiaramente si tratta di un conteggio parziale perché è basato sui dati ufficiali. Da questo calcolo manca la Libia perché le organizzazioni umanitarie internazionali non hanno avuto accesso ad alcune aree del paese. 
Lo stato che ha registrato più vittime è proprio la Siria, con più di 1300 morti, seguito dall'Egitto e dalla Tunisia.

(Foto di DigitalGlobe)

15 luglio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Una vita da dissidente

Win Tin e Sophie Malibeaux

Multimedia

Fermare l'hate speech. Una conversazione con Adama Dieng

prima dei crimini d'odio ci sono le parole d'odio

La storia

Ayaan Hirsi Ali

europarlamentare, scrittrice, docente universitaria