Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Sant'Egidio apre le porte della Casa dell'Amicizia

in via Olivetani 3

un'immagine dell'accoglienza profughi alla Fondazione Memoriale della Shoah di Milano

un'immagine dell'accoglienza profughi alla Fondazione Memoriale della Shoah di Milano

Abbiamo ricevuto e riproponiamo questa lettera della Comunità di Sant'Egidio, che anche quest'anno vuole essere presente nel dare una risposta di accoglienza all'emergenza umanitaria che stiamo vivendo. Verranno aperte le porte della Casa dell’Amicizia della Comunità, in via Olivetani 3

Cara amica, caro amico,

anche quest’anno l’arrivo di profughi nella nostra città ci interroga e sentiamo la necessità di accogliere per dare una risposta alla sofferenza di tanti, ribadendo il valore del salvataggio delle vite umane nel Mediterraneo e dell’accoglienza nelle nostre città.

Quest’estate non sarà possibile ripetere l’accoglienza al Memoriale, ma vogliamo comunque essere presenti e, in un momento in cui molti sembrano rassegnati e le porte si chiudono, vogliamo aprire le porte della Casa dell’Amicizia della Comunità di Sant’Egidio, in via Olivetani 3.

Sarà un’accoglienza numericamente più ridotta ma molto importante, per coloro che saranno accolti innanzitutto, e come segnale che è sempre possibile dare una risposta di umanità e solidarietà. Speriamo poi che possa essere un modello replicabile in altri luoghi.

Per questo, come gli altri anni, contiamo sul tuo aiuto.

Ci saranno due gruppi, uno in via Olivetani che si occuperà dell’accoglienza, cena e pulizia, e un altro ai Bastioni di Porta Venezia, per portare qualcosa da bere e individuare persone che potrebbero dormire in Olivetani.

Puoi dare la tua disponibilità, indicando alla mail santegidio.milano@gmail.com le serate in cui potresti aiutarci.

In base alla necessità della serata ti daremo conferma su dove trovarti. Gli orari sono sempre dalle 20 alle 23 circa.

Venendo è utile portare:

- acqua/succhi di frutta

- cena (se in Olivetani e indicare cosa; è importante non contenga alimenti con maiale e alcolici)

- cibo per la colazione

- prodotti per l’igiene personale

- indicare se verrai in macchina (molto utile per gli spostamenti)

- biancheria intima

Un modo prezioso per aiutare è anche sostenerci economicamente (l’accoglienza è completamente autofinanziata), organizzando serate e raccolte fondi, attraverso donazioni (con un bonifico – deducibile fiscalmente – intestato a Comunità di Sant'Egidio Milano onlus IBAN IT98T0311101665000000015746, causale: profughi) e proponendo raccolte di materiali finalizzati all’accoglienza (concordano l’elenco).

Grazie per come ci aiuterai a rendere la nostra città più umana e accogliente! A presto

18 luglio 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Intervista a Flavia Agnes

avvocatessa indiana per i diritti delle donne

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo