English version | Cerca nel sito:

Si spegne la voce dell'Argentina

lo scrittore Ernesto Sabato è morto a 99 anni

Lo scrittore Ernesto Sabato si è spento nella sua casa di Buenos Aires a 99 anni. Durante il governo di Alfonsìn fonda e presiede la Comisión Nacional sobre la Desaparición de Personas che si occupa delle ricerche e delle denunce relative ai desaparecidos della dittatura militare del 1976-1983.

Il suo impegno ha permesso di avviare i processi in Argentina e Sabato nel 1984 ha stilato il rapporto della CONADEP dove per la prima volta vengono raccolte le testimonianze dei crimini del regime argentino.

Ernesto Sabato ha scritto diverse opere: Il tunnel, Sopra eroi e tombe, L’angelo dell’inferno, Prima della fine.

(Foto di Luisbarrueto)

2 maggio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

George Clooney in manette

protestava per il Sudan

La storia

Aung San Suu Kyi

la "Lady" Premio Nobel per la pace