English version | Cerca nel sito:

Strage di Houla, 108 civili uccisi

l'Occidente espelle gli ambasciatori di Assad

La maggior parte delle potenze occidentali sta procedendo a togliere l'accredito ai titolari delle ambasciate siriane dopo la strage in cui sono state trucidate 108 persone. La maggior parte delle vittime ha subito un'esecuzione sommaria, dichiara l'ONU. 

I residenti di Houla hanno dichiarato che i miliziani di Assad sono entrati nelle case e hanno aperto il fuoco indiscriminatamente. Kofi Annan si è recato in queste ore a Damasco in rappresentanza della Lega Araba e dell'ONU, ma si è sentito dire da Assad che il massacro sarebbe imputabile "ai terroristi". 


Annan ha proposto un piano di pace in sei punti, tra cui la cessazione della violenza da entrambe le parti e la liberazione dei detenuti dalle carceri siriane. Assad l'ha rifiutato sempre "per colpa dei terroristi e dei trafficanti di armi".


Tra le vittime figurano 49 bambini e 34 donne. La strage avrebbe colpito soprattutto il villaggio di Taidou nella regione di Houla. I civili inermi sarebbero stati uccisi da spari ravvicinati o coltellate. I sopravvissuti devono la loro vita al fatto di essersi nascosti o finti morti


Gli USA, il Canada, la Francia, la Spagna, i Paesi Bassi, la Bulgaria, la Gran Bretagna e l'Italia tra gli altri hanno intimato agli ambasciatori siriani di fare le valigie. Tutte le cancellerie hanno protestato contro "l'assassinio di innocenti". 


La Russia ha invece attribuito la strage a colpe di "entrambe le parti" e accusato l'Occidente "di usare Houla come pretesto per avanzare richieste in campo militare". A luglio è prevista in Francia una riunione dei cosiddetti "amici della Siria".       

29 maggio 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Il secolo del genocidio

R. Gellately, B. Kiernan (a cura di)

Multimedia

The Lady

Il film di Besson su Aung San Suu Kyi

La storia

Massoud Benhoud

il giornalista perseguitato per la sua voglia di verità