English version | Cerca nel sito:

Studentessa francese rischia 32 anni in Turchia

è la prima europea colpita dalla repressione

Sevil Sevimili ha 20 anni. È di Lione, ma i genitori sono turchi. Contrariamente al parere del padre, un esiliato che la preferiva in Inghilterra, ha voluto recarsi un anno nel Paese d'origine della famiglia per un viaggio di studio. 

In Turchia ha frequentato i corsi Erasmus, ma ha anche svolto attività politica: ha manifestato il 1° maggio, ha sostenuto due studenti arrestati per aver sostenuto il diritto allo studio a una riunione del partito al potere AKP e ha assistito alla proiezione di un documentario su un attivista incarcerato nel 1994. 


Secondo le autorità, che hanno perquisito la sua casa il 10 maggio, tra le sue letture rientrano alcuni libri proibiti in Turchia, tra cui il Manifesto del Partito Comunista, che Marx ed Engels pubblicarono nel 1848. Per questo Sevil ha già trascorso 3 mesi di carcere. 


Improvvisamente liberata ad agosto, ora deve andare sotto processo. Rischia 32 anni di prigione perché la sua partecipazione a cortei, proiezioni e perfino i libri che legge le sono valsi un'accusa di "terrorismo". 


Ankara ha in corso una durissima campagna di repressione contro il dissenso. Sono già finite in carcere 700 persone tra attivisti, giornalisti, avvocati e intellettuali. A volte gli arresti colpiscono persone ree di affrontare senza pregiudizi il tema del genocidio armeno come Ragip Zarakolu, recentemente liberato. In questo caso le autorità si accaniscono contro una studentessa di idee socialiste. È il primo caso di una studentessa europea toccata da queste accuse. 

26 settembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Girls, not brides

Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze

La storia

Padre Emanuel Natalino Vura

Il prete che salva dalla guerra i bambini-soldato