English version | Cerca nel sito:

Sulla testa dei serpenti

i difficili equilibri in Bahrain, Yemen e Siria

Lontano dalla Libia e quindi dagli occhi della comunità internazionale, alcuni regimi reprimono i rivoltosi. Le lotte fra tribù tribali consentono ai governi ambigue manovre, che il leader yemenita Saleh definisce "danzare sulla testa dei serpenti". In Siria sono finiti in prigione per un mese 15 bambini, rei di cantare slogan antiregime. Infine il Bahrain uccide chi protesta, secondo quella che secondo un rapporto di Human Rights Watch è solo l'ennesima ondata di repressione nel piccolo Stato.

La situazione in Siria
Il regime di Assad è straordinariamente stabile da 50 anni. Ultimamente alcuni manifestanti hanno iniziato a riunirsi nelle città di Dara e Damasco e il regime non ha esitato a lanciare lacrimogeni negli edifici di culto, uccidendo almeno sei persone. È anche per questo, oltre che per l'incredibile arresto di un gruppo di bambini di quarta elementare, che il 18 marzo gli attivisti per la democrazia hanno proclamato un "giorno della collera" in Siria. L'evento è stato ancora una volta segnato da scontri violenti e arresti di esponenti della società civile, mentre Assad fa vaghe promesse.

Le defezioni in Yemen
Le tattiche di Saleh non convincono la popolazione. Alcuni capi tribù hanno riferito al New York Times di essersi accorti che le armi per combattersi tra loro provenivano da un'unica fonte, il governo, che di conseguenza sta perdendo molto del consenso tradizionale tra i sottoposti degli sceicchi. Mentre tutta una serie di ministri e gerarchi passava dalla parte dei rivoluzionari, si è avuto qualche tentativo di rimpasto ministeriale, ma forse Saleh non riuscirà a placare gli animi. Un ex ministro ha dichiarato alla stampa internazionale che "è ridicolo vedere tutti questi esponenti del regime che improvvisamente diventano rivoluzionari senza scontare in alcun modo in crimini commessi quando erano al potere".

Bahrain, dieci anni di repressione
La crisi a Manama è di lunga data. Secondo Human Rights Watch nel Paese c'è un conflitto di matrice religiosa tra la maggioranza sciita e la minoranza sunnita al potere. Si registrano inoltre restrizioni arbitrarie dei diritti civili e politici della popolazione.Ultimamente l'obiettivo della polizia politica, detta Apparato di Sicurezza Nazionale, sono gli attivisti che osano parlare con i giornalisti stranieri.

24 marzo 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Appena apro gli occhi

Canto per la libertà

La storia

Anna Politkovskaja

assassinata a Mosca per aver denunciato l'orrore della guerra in Cecenia