English version | Cerca nel sito:

Tre condanne all'ergastolo

per la strage nazista di Fucecchio

Il tribunale militare di Roma ha condannato tre ex militari tedeschi al carcere a vita per la strage del Padule di Fucecchio (FI) in cui vennero uccise 184 persone, la maggior parte di loro anziani, donne e bambini.

Dalla corte un risarcimento di più di 13 milioni di euro per i familiari delle vittime a carico degli imputati e della Repubblica federale di Germania, individuata come responsabile civile.

Alla sbarra ci sono Ernst Pistor, novantunenne ed ex capitano, l'ex maresciallo Fritz Jauss, di 94 anni, e l'ex sergente Joha Robert Riss, appartententi alla 26/a divisione corazzata.

La strage

Tra le 5 del mattino e le 2 del pomeriggio del 23 agosto 1944, undici giorni dopo la strage di Sant'Anna di Stazzema, soldati della 26/a divisione corazzata dell'esercito tedesco,perquisirono i casolari della zona, tra le province di Firenze e Pistoia, sembra alla ricerca di partigiani, trovandovi però solo famiglie di contadini e numerosi sfollati.

I nazisti uccisero tutte le persone che trovarono. Gli imputati, in concorso con altri ex militari delle forze armate tedesche non identificati o già morti, sono accusati di aver compiuto l'eccidio, con le aggravanti, tra l'altro, dei motivi abietti, della premeditazione e di aver compiuto il fatto con sevizie e crudelta'. Aggravanti tutte riconosciute oggi dal Tribunale. A comandare la squadra che si sarebbe macchiata di gran parte dei crimini, in particolare, sarebbe stato il maresciallo Jauss.

(Foto di Claus Moser)

26 maggio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

A casa nostra. Cronaca da Riace

Lelio Bonaccorso, Marco Rizzo

Multimedia

The rescuers

Giusti e salvatori nella Seconda Guerra Mondiale e nel Genocidio del Ruanda

La storia

Don Francesco Cavazzuti

il prete missionario che ha protetto i contadini in Brasile a rischio della vita