English version | Cerca nel sito:

Uganda, ucciso David Kato Kisule

attivista per i diritti dei gay

David Kato Kisule era un'attivista per i diritti dei gay in Uganda. È stato ucciso il 26 dicembre, dopo che il suo nome era comparso in un'agghiacciante lista della rivista locale Rolling Stone che segnalava i nomi e i volti di un centinaio di omossessuali ugandesi con l'invito a impiccarli. 

L'uomo aveva difeso più volte pubblicamente i diritti dei gay. Il 26 dicembre scorso è stato assassinato a martellate nella sua casa di nei dintorni di Kampala. Due mesi fa aveva dichiarato a Lettera43"Oggi in Uganda un omosessuale non si sente al sicuro. Per noi è pericoloso anche passeggiare per strada".

28 gennaio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Pane Nero

Miriam Mafai

Multimedia

Cities for life: NO alla pena di morte

30 novembre, la mobilitazione delle città contro la pena capitale

La storia

​Sonita Alizadeh

la rapper che ha denunciato il dramma delle spose bambine