English version | Cerca nel sito:

Uri Avnery compie 90 anni

una vita dedicata alla pace

Uri Avnery compirà 90 anni il 10 settembre. Gideon Levy ha scritto un pezzo augurale su Haaretz dove ne delinea il ritratto di "pioniere del giornalismo israeliano, statista e profeta". Avnery ha fondato Ha'olam Hazeh, un giornale che ha spesso sfidato sia l'esercito che gli estremisti arabi. 

Ha combattuto nella Guerra d'Indipendenza di Israele, nella quale è stato ferito due volte. In seguito a questa esperienza, documentata nel libro Il rovescio della medaglia, ha abbracciato la causa pacifista. È stato il primo a coniare il termine "due Stati per due popoli". Pur essendo un sionista convinto, ha osato incontrare Arafat quando era nemico del popolo israeliano. Per le sue iniziative controcorrente ha anche subito due attentati, ma non ha mai perso l'ottimismo. In un'intervista a Haaretz qualche tempo fa ha dichiarato: "Chi guarda per terra è destinato a morire di dolore. Io guardo sempre in alto".  

9 settembre 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Enrico Calamai. Un eroe scomodo

puntata di "La Storia siamo noi"

La storia

Sunila Abeysekera

Cantante e attrice per i diritti delle minoranze