English version | Cerca nel sito:

USA, immunologo rimosso per aver difeso il ruolo della scienza

le accuse di Rick Bright nell'audizione alla Camera dei rappresentanti

Rick Bright, ex-direttore Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA)

Rick Bright, ex-direttore Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA) (PHE.GOV)

Gli americani devono sapere che "il 2020 sarà l'inverno più buio della storia moderna" con la ripresa del contagio da coronavirus. Lo ha affermato Rick Bright, ex capo dell’Autorità per la ricerca avanzata e lo sviluppo biomedico (Biomedical Advanced Research and Development Authority, BARDA), l'agenzia federale per la ricerca sui vaccini e le terapie, nell'audizione tenuta ieri davanti alla Commissione Energia e Commercio-Sottocommissione Sanità della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Dopo 25 anni di carriera trascorsi a studiare le cure contro le pandemie, il Dottor Rick Bright il 21 aprile scorso è stato rimosso dalla posizione di direttore del BARDA e trasferito d'ufficio a un incarico di importanza secondaria e senza poteri presso il National Institutes of Health, per aver sollecitato il governo a investire i fondi per la ricerca in soluzioni sicure e scientificamente verificate, e non in farmaci, vaccini e altre tecnologie privi di valore scientifico. "Ho parlato allora e lo dichiaro oggi perché la scienza - non la politica o il clientelismo - deve aprire la strada alla lotta contro questo virus mortale" ha detto Bright davanti al Congresso.

Nelle cinque pagine della testimonianza scritta e letta nell'aula, lo scienziato ha spiegato di aver dato l'allarme già all'inizio dell'anno per il rischio del propagarsi del coronavirus e aver chiesto un'azione immediata senza essere ascoltato, anzi dovendo subire l'ostilità e l'emarginazione dei funzionari degli Health and Human Services (HHS, Autorità del Sistema Sanitario).

"Nel gennaio di quest'anno, ho spinto il nostro governo a ottenere campioni di virus dalla Cina e a dotarsi di maggiori finanziamenti per iniziare rapidamente lo sviluppo di contromisure mediche efficaci. I responsabili del Sistema Sanitario hanno disprezzato le mie previsioni sulla diffusione di ampio focolaio e sul bisogno urgente di agire. Vista la grave carenza di forniture e DPI necessari per far fronte a una pandemia, a gennaio, febbraio e marzo 2020, ho sollecitato il Sistema Sanitario ad aumentare la produzione  di maschere, respiratori, medicine, siringhe e tamponi. Ma la mia richiesta è stata respinta e sono stato escluso dalle riunioni chiave di alto livello per combattere il COVID-19", ha denunciato Brick.

Infine Brick ha pagato, con il licenziamento, la sua contrarietà all'utilizzo della clorochina come terapia anti-coronavirus, una opzione invece apertamente sostenuta dal Presidente Donald Trump. "Quando ho resistito ai tentativi per promuovere e consentire un ampio accesso a un farmaco di utilità non provata, la clorochina, senza informazioni trasparenti sui potenziali rischi per la salute, sono stato rimosso da mio incarico", ha dichiarato.

Brick non ha però rinunciato alla battaglia per fare prevalere la verità e la scienza sugli interessi economici particolari dei gruppi vicini al Presidente e di altri gruppi di potere. "Dobbiamo essere sinceri con il popolo americano, che vuole la verità. Per quanto spiacevole la verità, diminuisce la paura generata dall'incertezza. La verità deve essere basata su prove scientifiche - e non filtrata per motivi politici. Abbiamo i più grandi scienziati del mondo: devono essere autorizzati a guidare. Lasciamo che parlino sinceramente senza paura della punizione. Dobbiamo ascoltarli in modo che il governo possa fare i passi più potenti per salvare vite umane".

Lo scienziato ha ricordato che la situazione del contagio negli USA è molto grave e richiede una urgente risposta coordinata su scala nazionale basata sulla scienza, con la consapevolezza che non si tornerà alla situazione normalità del 2019, pre-crisi, e tutti potranno contribuire alla nuova normalità del 2020. "Ma è fondamentale farlo bene. Come ha testimoniato il mio collega Dr. Anthony Fauci il 12 giugno 2020, non dobbiamo correre alla cieca, o agire troppo in fretta, per tornare alla nostra vita quotidiana. Se ignoriamo la scienza, corriamo un rischio drammaticamente aumentato di peggiorare la diffusione del virus nei prossimi mesi. Ciò potrebbe portare a focolai più diffusi e molte più vite perse per il resto di quest’anno", ha ammonito Bricks.

In attesa di una cura che, secondo Bricks, arriverà, è urgente per il Sistema Sanitario degli Stati Uniti avere chiara leadership, che comunichi con onestà soluzioni basate sui dati, come: educare i cittadini ad adottare le misure di protezione individuale, aumentare la produzione di attrezzature e forniture essenziali e distribuirle equamente, collaborare con altri paesi per trovare una cura per COVID19.

"Tutti gli americani sono chiamati ad agire per garantire la salute, la sicurezza e la prosperità. Potete contare su di me per continuare a fare la mia parte" ha assicurato Rick Bricks concludendo la sua importante testimonianza.

Nel Box Approfondimenti il testo dell'intervento del Dottor Rick Bright.



15 maggio 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Intervista a Marek Edelman

Intervista di Gad Lerner

La storia

Lydia Cacho

Giornalista e attivista per i diritti delle donne