English version | Cerca nel sito:

Zeev Sternhell, principale voce della sinistra israeliana, ci ha lasciato

grande studioso del fascismo

Lo storico e analista politico israeliano, Professor Zeev Sternhell

Lo storico e analista politico israeliano, Professor Zeev Sternhell AFP/Getty Images

Il professore Zeev Sternhell, uno dei più importanti storici e analisti politici a livello mondiale e figura di spicco della sinistra israeliana, è morto il 21 giugno all'età di 85 anni, dopo un peggioramento delle condizioni di salute in seguito a un intervento chirurgico. Come editorialista del quotidiano Haaretz, Sternhell si era distinto come una delle voci più apertamente critiche della destra in Israele e in tutto il mondo e aveva messo in guardia sulla fine della democrazia in Israele. "Il ruolo di un intellettuale che vuole servire la società al di là del suo contributo scientifico è criticare il regime e sottolineare i difetti della società", aveva dichiarato.

Nato in Polonia nel 1935, Sternhell perse i familiari durante la Seconda guerra mondiale: il padre morì di morte naturale dopo aver combattuto nell'esercito polacco, mentre la madre e la sorella furono assassinate dai nazisti. Due zii organizzarono la sua fuga dal ghetto, facendolo passare per un cattolico polacco. Dopo essere stato in Francia, si trasferì nel nuovo Stato di Israele all’età di 13 anni e partecipò a quattro guerre, iniziando nel frattempo una carriera accademica di grande successo.

Vincitore del Premio Israele nel 2008, Sternhell ha dedicato gran parte della sua vita professionale a studiare il fenomeno del fascismo e le sue ingiustizie in tutti gli Stati, diventando uno dei massimi esperti in questo campo.
Nella sua ricerca, ha scritto Ofer Aderet in un editoriale su Haaretz, Sternhell ha dimostrato che il fascismo era un problema culturale con radici profonde e di ampia portata, un'ideologia coerente e significativa, il prodotto di cambiamenti sociali e ideologici che l'Europa aveva subito nel cercare risposte che né il liberalismo capitalista, né il socialismo rivoluzionario erano riusciti a dare.
“Questa ricerca ha offerto un nuovo modo di guardare alla storia e alla politica europee della prima metà del 20esimo secolo. Il cambiamento concettuale ha suscitato accese divergenze nella comunità accademica
", aveva spiegato il professore.

Per un breve momento della sua lunga carriera Sternhell aveva anche tentato l’attività politica nel 1977, quando per la prima volta il Partito Laburista fu sconfitto alle urne dal Likud di Menachem Begin. Inoltre aveva partecipato alla creazione di Chug 77 (Cerchio 77), un gruppo di intellettuali che tentarono di "ricostituire" il Partito Laburista.
Avevamo pensato di riportare tutto indietro e ottenere la fine del conflitto [con gli arabi] sulla base dei confini del 1967. Abbiamo capito molto rapidamente che era impossibile parlare con [i leader del partito] Yitzhak Rabin, Shimon Peres o Motta Gur in merito alla restituzione dei territori", aveva detto.

Per molti anni, Sternhell aveva avvertito sul possibile crollo della democrazia in Israele.Non esiste una società che sia geneticamente immunizzata contro i fenomeni di cui l'Europa è stata vittima. Questa è la lezione storica di base della nostra generazione", diceva.
Nel corso di decenni aveva espresso chiaramente le sue opinioni contrarie alla politica degli insediamenti ebraici (che aveva definito un "cancro") e all'occupazione (era stato persino pronto a rinunciare a Gerusalemme Est) e le critiche alla destra radicale in particolare attraverso le colonne di Haaretz, dagli anni '70 quasi fino alla sua morte.

Nell’analisi di Sternhell, che è ripresa oggi in un lungo editoriale del quotidiano israeliano, il primo elemento del regresso di Israele verso fascismo è la guerra alla democrazia. È una guerra che non è legata al desiderio di eliminare l'organo legislativo, che viene eletto in un modo o nell'altro. I regimi fascisti non si sbarazzano dei loro parlamenti, anche se nel tempo vengono svuotati dei contenuti. Guerra alla democrazia, sottolineava il professore, significa rendere la supremazia della società e l'interesse della redenzione sociale un valore centrale, a spese dell'individuo e dell'uguaglianza tra i partecipanti alla vita sociale. In Israele manca da tempo la vera uguaglianza tra coloro che compongono la società collettiva: ebrei, cittadini arabi israeliani, palestinesi nei territori occupati, rifugiati, richiedenti asilo e altri.

Il secondo elemento importante è l'interpretazione della storia, che consente a una società di aderire al fascismo. La storia ebraica e la storia sionista, che ne fa parte, osservava Sternhell, sono interpretate dalla Nazione israeliana come un processo di determinismo etnico. In altre parole, Israele si sta sempre più orientando verso definizioni deterministiche dei gruppi etnici che lo compongono. Queste definizioni sono espresse nella convinzione che non tutti i gruppi etnici sono uguali nei loro tratti, talenti e abilità, e quindi non devono essere uguali nei loro diritti.

Il terzo elemento, che aumenta il pericolo di discesa verso il fascismo, è il principio della deificazione della nazione. Il risveglio nazionale ebraico, fondato sul desiderio degli ebrei di controllare il proprio destino, è diventato in gran parte nel corso degli anni una sorta di guerra santa, infusa di molte componenti religiose e messianiche. Il desiderio di controllare il destino della nazione, perseguitata dalle nazioni tra le quali viveva, si sviluppò in una sanguinosa lotta contro chiunque fosse percepito, giustamente o no, come un nemico del popolo. Lo spirito della nazione - un concetto vago, a seconda delle interpretazioni - assume in Israele espressioni politiche e psicologiche che giustificano atti ingiusti e lesioni a persone innocenti.

Nel 2008, dopo essere rimasto leggermente ferito da una bomba piazzata da un terrorista di destra, Sternhell aveva dichiarato in un'intervista: "La mia generazione, che è la generazione del primo decennio dell'esistenza dello Stato e per la quale l'esistenza stessa dello Stato è un miracolo, sta lentamente lasciando il palcoscenico. E per noi è una tragedia vedere cosa sta succedendo. Per me è veramente la fine del mondo. Perché una persona vuole assicurare il futuro dei suoi figli e dei suoi nipoti. Come cittadino, voglio garantire il futuro della società in cui vivo. E come persona aspiro a lasciare qualcosa, a lasciare le mie impronte". E amaramente aveva aggiunto: "Voglio sapere che al momento della fine, le mie figlie e le mie nipoti continueranno a vivere una vita normale qui. Questo è tutto ciò che volevamo. Ma oggi non vedo quella vita normale come garantita. Non vedo il futuro delle mie figlie e nipoti come garantito. E questo mi angoscia davvero. Quello che mi angoscia è sapere che ciò che esiste oggi rischia di cadere a pezzi domani”.

22 giugno 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Appena apro gli occhi

Canto per la libertà

La storia

Akbar Ganji

il giornalista simbolo della dissidenza al regime degli ayatollah