English version | Cerca nel sito:

Fondamentalismo e terrorismo

Come onoriamo i musulmani che resistono al terrorismo

Editoriale di Robert Satloff

Robert Satloff è Direttore Generale del Washington Institute for Near East Policy e autore di Tra i Giusti. Storie perdute dell'Olocausto nei Paesi arabi (Marsilio 2007). 


"Siamo tutti esseri umani"

La strage di Nizza è stata un’altra manifestazione di violenza causata dal fondamentalismo islamico. In uno scenario drammatico, il gesto di Hamza Bayrem, che a Nizza ha salvato 8 ragazzi italiani, rappresenta un barlume di speranza.


Nasce il Giardino dei Giusti di Tunisi: la notizia nei media

Stampa, web e radio e televisioni hanno rilanciato la notizia dell'inaugurazione del primo Giardino dei Giusti in un Paese arabo e musulmano, nato dalla collaborazione tra Gariwo e il Ministero italiano degli Esteri e con la partecipazione dell'Ambasciata d'Italia a Tunisi, che lo ospita a proprio interno. In coda all'articolo i link per la rassegna stampa.


La lettera della madre di Faraaz Hussein

Tra i Giusti onorati al Giardino di Tunisi il 15 luglio c'è anche Faraaz Hussein, il ragazzo che durante l'attacco di Dacca ha rinunciato a salvarsi dagli attentatori per non lasciare sole le amiche. Qui la testimonianza della madre del ragazzo, letta durante lo scoprimento del cippo dedicato a Faraaz.


La strage di Nizza e l’esempio di oggi a Tunisi

Editoriale di Antonio Ferrari

Nella capitale nordafricana piantati nel cortile dell’ambasciata d’Italia cinque alberi ad altrettanti Giusti musulmani che si sono battuti e sono battuti per la pace e la convivenza...


​La diplomazia del Bene

Di fronte a chi semina terrore e uccide senza pietà centinaia di persone, donne e bambini, la cui colpa è soltanto quella di amare la vita, noi celebriamo invece quegli individui che sono disponibili a sacrificarsi per il principio opposto rispetto a quello che guida i terroristi.


Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Multimedia

Ci vuole smalto

Una donna saudita sfida la polizia religiosa dipingendosi le unghie

La storia

​Mohamed Naceur (Hamadi) ben Abdesslem

la guida che ha salvato gli italiani al Bardo