English version | Cerca nel sito:

Accoltellate a Istanbul una dissidente siriana e la figlia giornalista

Ourouba Barakat aveva denunciato le torture di Assad

La dissidente siriana Ourouba Barakat e la figlia Halla, giornalista

La dissidente siriana Ourouba Barakat e la figlia Halla, giornalista Twitter

Ourouba Barakat, 60 anni, e la figlia Halla, 23, cittadina USA dalla nascita, sono state trovate uccise a coltellate nel loro appartamento in Turchia. La donna più anziana era parte del movimento d'opposizione Syrian National Coalition ed era molto impegnata nel denunciare l'uso della tortura nelle carceri di Damasco

Dagli anni '80 in esilio, la donna aveva vissuto con la figlia nel Regno Unito e negli Emirati Arabi, prima di trasferirsi nella parte asiatica di Istanbul. Il suo gruppo politico ha rilasciato un comunicato dove indica come autori del duplice omicidio "la tirannide e il terrorismo".

Un appello è invece pervenuto da parte dell'Associazione dei Giornalisti Siriani a favore della figlia Halla, redattrice del giornale di Dubai Orient News, di proprietà dell'attivista dell'opposizione siriana Ghassan Aboud. Inoltre Halla lavorava anche come corrispondente estera del canale turco TRT. I giornalisti siriani hanno richiesto ad Ankara un'inchiesta rapida e trasparente e fatto appello alla protezione dei reporter basati nel Paese. 

Secondo la CNN, Ourouba Barakat aveva ricevuto telefonate con minacce di morte. Oltre alla sua militanza nell'opposizione siriana, avrebbe anche svolto attività di assistenza ai rifugiati siriani in Turchia.

29 settembre 2017

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Il libro

Sottomissione

Michel Houellebeqc

La storia

Salah Farah

poteva salvarsi dichiarandosi musulmano ma ha preferito proteggere i cristiani durante un attacco terroristico in Kenya