English version | Cerca nel sito:

Il muro con il Messico diventa uno show

gli artisti americani e la critica a Trump

Robert Schenkkan con un'attrice alla presentazione di "Building the wall"

Robert Schenkkan con un'attrice alla presentazione di "Building the wall" Robert Schenkkan

Robert Schenkkan, sceneggiatore e vincitore del Premio Pulitzer che ha collaborato anche con Mel Gibson per il discusso film in uscita in questi giorni, La battaglia di Hacksaw Ridge, è convinto che il mondo degli artisti non possa rimanere inerte davanti all'alba dell'era Trump, con i muri e i divieti di circolazione. Ha dichiarato al New York Times che "l'arte deve reagire, al massimo entro 18 mesi dalle elezioni", e si è messo subito all'opera. 

In solo una settimana ha creato il dramma Building the wall ("costruire il muro") che ora è già in molti importanti teatri USA. Si tratta di una pièce ambientata nel 2019, a trumpismo finito. Al centro della scena c'è il processo a una guardia carceraria che aveva "eseguito gli ordini di Trump" nel sistema di rimpatri forzati e detenzione per migranti istituito dal Presidente dopo un attentato terroristico su suolo americano.

Sono molti i drammaturghi che hanno risposto ai provvedimenti più discussi dei governi americani da: Arthur Miller contro il maccarthismo a David Hare contro l'intervento armato in Iraq del 2003

All'elezione di Trump, molti teatri americani hanno reagito con il Ghostlight Project, una serie di iniziative per la tolleranza organizzate in queste settimane all'esterno delle sale. Durante il giorno dell'Inaugurazione del nuovo Presidente, si è tenuto un concerto per le libertà civili con molti artisti. 

Ci sono poi nuove opere quali Sweat (sudore) di Lynn Nottage, che racconta le lotte degli americani working-class, e un adattamento del romanzo "1984" di George Orwell che andrà in scena a giugno allo Hudson Theater. Secondo Ari Edelson, che ha prodotto Building the wall, "sono molti oggi gli artisti americani che si sono chiesti: 'Sto creando opere che tocchino in qualche modo le nostre domande di oggi?'".

9 febbraio 2017

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

La storia

Salah Farah

Poteva salvarsi dichiarandosi musulmano ma ha preferito proteggere i cristiani durante un attacco terroristico in Kenya