English version | Cerca nel sito:

Madre francomarocchina premiata con la Legion d'Onore in Francia

Latifa Ibn Ziaten ha avuto il figlio ucciso negli attentati di Tolosa

Tra le vittime di Mohammed Merah, "il terrorista in scooter" che mise a fuoco Tolosa nel 2012 uccidendo sette persone tra cui tre bambini ebrei, c'era anche un giovane soldato francese, Imad Ben Ziaten

Sua madre, Latifa Ibn Ziaten, da allora non ha smesso un giorno di lottare per consegnare alla giustizia l'omicida. Per conseguire questo risultato ha denunciato anche lo Stato, che è stato giudicato "parzialmente responsabile" della morte dei suoi pubblici ufficiali.  

Questa madre di origine marocchina vuole onorare la memoria del figlio, "che è morto in piedi, coraggiosamente, rifiutandosi di inginocchiarsi davanti a Merah". Al contempo è anche determinata a fare pressione sullo Stato e sulla società civile francesi perché siano veramente determinati nella lotta al terrorismo per risparmiare altre vite innocenti. 

A questo scopo, Latifa ha fondato l'Associazione Imad Ibn Ziaten per la gioventù e la pace, una realtà dinamica che si batte contro la radicalizzazione dei giovani musulmani. 

Quattro anni dopo la morte del figlio, il Presidente François Hollande le ha riconosciuto il più alto riconoscimento della Repubblica Francese, la Legion d'Onore. Latifa per l'occasione ha dichiarato: "Sono molto onorata e commossa di ricevere questa Legione nell'anniversario del decesso di mio figlio Imad". 

6 dicembre 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto