English version | Cerca nel sito:

Profile alla Berlinale

un film che denuncia il pericolo che "il jihadismo" online può rappresentare per le donne

Il regista di "Profile" Timur Bekmambetov

Il regista di "Profile" Timur Bekmambetov © Gerhard Kassner / Berlinale

In sala in questi giorni alla Berlinale, Profile di Timur Bekmambetov è diverso dai suoi precedenti film, tutti di genere fantasy. In questa pellicola il cineasta kazako non esita a confrontarsi con uno dei temi più scottanti del 21°secolo, la propaganda online dell'Isis.

Il regista, espatriato dall'URSS a 19 anni, ci mostra la giornalista Anna Erelle (Amy Whittaker) nella sua esperienza di comunicazione online, attraverso un profilo Facebook, con il jihadista Bilel, residente in Siria. Erelle - che vuole indagare sul reclutamento di giovani donne europee da parte del'ISIS - conquista la fiducia dell'uomo, di origini pakistane, che le racconta, giorno dopo giorno e mese dopo mese, la vita quotidiana sotto l'Isis. Lo fa cucinando davanti alla telecamera, scherzando, facendole complimenti, e alla fine chiedendola in moglie e insistendo affinché Amy lo raggiunga in Siria.  

Dal trailer si evince che le chat della reporter con Bilel presentano tutto quanto caratterizza i contatti online con questo tipo di personaggi, che possono sia apparire carismatici - Whittaker documenta il pericolo di rimanere affascinata  - sia violenti, ad alto tasso di stress e fatica per chi li gestisce. Oltre alle varie complicazioni tecniche, l'indagine viene interrotta da chiamate che si sovrappongono e naturalmente i messaggi di avviso della polizia americana, informata della ricerca (si presume che possa anche non essere informata, o non cercare di mettere in guardia chi intraprende simili comunicazioni per conto suo, non a fini di ricerca).  

Il film ricostruisce alcune possibili verità sul pensiero jihadista, a partire proprio dalle menzogne che Bilel racconta ad Anna, e ci mostra tutta l'operazione giornalistica davanti al monitor di un computer.

23 febbraio 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto