Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Genocidio armeni

Testimoni dei pogrom di Sumgait

A Sumgait, in Azerbaigian, quando negli ultimi giorni del febbraio del 1988, in tempo di pace, una violenza brutale si è scatenata contro la minoranza armena, si verificarono anche episodi di solidarietà, di soccorso, di difesa delle vittime da parte di azeri che hanno seguito un moto profondo dettato dal principio di umanità e da un sentimento di ribellione di fronte all’ingiustizia che si traduce in azioni concrete. Oggi quei “Giusti azeri” sono considerati dai governanti dell’Azerbaigian dei "traditori". Di Pietro Kuciukian

 


Il villaggio di Evlu

Superato quello che era stato il confine fra la Georgia e l’Armenia, in cima ad una collina, sono stato raggiunto da una decina di contadini che, appena scoperto che parlavo armeno, mi hanno abbracciato calorosamente. 


"Israele deve unirsi ai Paesi che riconoscono il Genocidio Armeno"

Il voto della Knesset per riconoscere il genocidio armeno è stato rinviato in attesa delle elezioni in Turchia del 24 giugno. Questa decisione ha subito causato vive discussioni. Molto importante la risposta di Benjamin Abtan, Beate Klarsfeld, il marito Serge e il figlio Arno.


103° anniversario del genocidio del popolo armeno

In occasione del 103° anniversario del genocidio del 1915 ad opera del governo ottomano dei Giovani Turchi, segnaliamo gli appuntamenti principali a Milano e dintorni.


Il capo del Sindjar, un Giusto per gli armeni

Un estratto dal libro I disobbedienti (Guerini e Associati) di Pietro Kuciukian, console onorario d'Armenia in Italia e cofondatore di Gariwo, sulla figura di Hammo Shero, il capo yazida che accolse i profughi armeni durante il genocidio del 1915-16.


Onorare gli "Schindler" turchi che salvarono gli armeni

Sono molti i tentativi di riportare alla luce le storie dei turchi ottomani che salvarono gli armeni durante genocidio. Storie spesso dimenticate, ma su cui cresce una nuova consapevolezza. 


Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Multimedia

I veri "giusti" sono ambigui

Gabriele Nissim parla di Wegner ad Antonio Ferrari

La storia

Orhan Pamuk

premio Nobel, ha raccontato gli scontri ed i legami tra le diverse culture