English version | Cerca nel sito:

Genocidio armeni

Condanna per l'assassino di Hrant Dink

L'esecutore materiale dell'omicidio del giornalista che si batteva per il dialogo tra Turchi e Armeni è stato giudicato colpevole di omicidio premeditato e possesso illegale di arma da fuoco. 


Eurodeputata francese rivela origini armene

La deputata europea di nazionalità francese Muriel Marland-Militello ha ricordato in un meeting internazionale le proprie origini armene. Durante il Metz Yeghern sua madre e suo nonno furono salvati da una famiglia islamica.


Istanbul ricorda le vittime del Metz Yeghern

Scoperto nella capitale turca un cippo per le vittime del Genocidio Armeno. Centinaia di cittadini riuniti in piazza Taksim hanno acceso candele e portato fiori in memoria degli oltre 250 leader e intellettuali armeni catturati dal governo ottomano il 24 aprile 1915 e quindi fatti giustiziare. Video all'interno.


In Turchia abbattuta statua per Armenia

La Turchia ha iniziato a smantellare un monumento dedicato all'amicizia tra Yerevan e Ankara, posto al confine tra i due Paesi, nella città di Kars. Questo avviene dopo una polemica avviata dal premier turco Erdogan che lo aveva definito una "mostruosità" posta accanto alla tomba di uno studioso musulmano.


Armin Wegner, testimone inascoltato

Il console armeno Pietro Kuciukian presenta la figura del volontario nel servizio sanitario tedesco tra il 1915 e il 1916 che testimoniò il genocidio armeno con lettere e fotografie.

 Wegner, inoltre, fu l'unico intellettuale tedesco che nel 1933 osò indirizzare una lettera a Hitler contro i comportamenti antiebraici del regime nazista.


Gariwo al Corriere: l'impegno di P. Kuciukian

Gabriele Nissim ha ricordato scrivendo al quotidiano l'impegno del Console onorario d'Armenia e cofondatore di Gariwo Pietro Kuciukian "per la ripresa del dialogo tra Turchi e Armeni sulla base del riconoscimento del genocidio, ma anche del ruolo avuto dai Giusti".


Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Multimedia

Il genocidio armeno

stralci di documentari e film

La storia

Orhan Pamuk

premio Nobel, ha raccontato gli scontri ed i legami tra le diverse culture