English version | Cerca nel sito:

Genocidio armeni

A Toni Capuozzo il Premio "Hrant Dink"

Il riconoscimento nasce per commemorare il giornalista armeno ucciso a Istanbul nel 2007. Il vincitore della terza edizione è il celebre inviato di guerra, conduttore del settimanale Terra!


Storico accordo tra Turchia e Armenia

Siglato a Zurigo il protocollo che mira a normalizzare, dopo anni di gelo, le relazioni diplomatiche tra i due Paesi. Alla cerimonia sono intervenuti i rappresentanti dell'Unione Europea, di Usa, Francia, Russia, Svizzera. Per il Console armeno Pietro Kuciukian il protocollo è simbolo della "volontà di rinnovarsi".


Erdogan nega il genocidio armeno

ll Primo ministro turco dichiara al giornalista Antonio Ferrari che il Genocidio è un'invenzione della diaspora degli armeni nel mondo.
Rifiuta la richiesta della Comunità Europea di apporre nuove modifiche all'art. 301 del codice penale per entrare nella UE. Il famigerato articolo contro la libertà di espressione sarebbe più liberale delle norme dei Paesi europei.


Anniversario del genocidio armeno

A 94 anni dallo sterminio del popolo armeno, nel mondo si moltiplicano le iniziative per difendere la verità storica e ovunque le comunità armene si mobilitano contro il negazionismo della Turchia per commemorare il triste anniversario del "genocidio dimenticato", il Metz Yeghern. All'interno calendario delle iniziative.


Almeno un milione di vittime

Per generazioni, i turchi hanno ignorato l'esistenza del genocidio armeno. 
Oggi, dopo che lo storico Bardakcki ha reso noto un importante documento, ricevuto nel 1983 dalla vedova di Talat Pascià, sono costretti a fare i conti con le cifre spaventose dello sterminio: 972.000 vittime solo tra il 1915 e il 1916.
Si riaccende il dibattito iniziato lo scorso dicembre con "la lettera dei 300"


Esce in Italia "L'inquietudine della colomba" di Hrant Dink

Pubblicata in italiano la raccolta di interventi di Hrant Dink sulla questione delle relazioni tra armeni e turchi, sul dialogo e sul riconoscimento del genocidio armeno. Sottotitolo: "Essere armeni in Turchia", edizione Guerini e Associati.


Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Multimedia

Intervista a Maro Ibishian

nipote di sopravvissuti al genocidio armeno

La storia

Mehmet Gelal Bey

il vali di Aleppo che si oppose al genocidio armeno