English version | Cerca nel sito:

Genocidio armeni

​Voci dall’altra riva del Bosforo

Che cosa significa il recente voto in Turchia per gli armeni? Quali novità vi sono nelle relazioni turco-armene nel centenario del Metz Yeghern? Presentiamo tradotto in italiano l'articolo che il prof. Michel Marian, autore del saggio Le génocide arménien, ha pubblicato sull'ultimo numero di Nouvelles d'Arménie.


Nel paese delle pietre urlanti

Il “Viaggio in Armenia” ha concluso il percorso di conoscenza degli insegnanti del Liceo classico Tito Livio e di altri Licei di Milano e dell’hinterland che hanno partecipato al corso di aggiornamento “Armenia tra passato e presente: storia, identità, cultura“, realizzato nell’anno scolastico 2014-2015.


“Noi ci siamo, siamo qui!”

Uno sguardo sul risveglio degli armeni di Istanbul, nel momento della commemorazione del centenario del genocidio. L'articolo di Gérard Malkassian uscito su Nouvelles d'Arménie tradotto in esclusiva in italiano per Gariwo. 


Istanbul: Kamp Armen restituito agli armeni

La mobilitazione dei giovani armeni ha salvato dalla demolizione Kamp Armen, orfanatrofio, che aveva ospitato migliaia di bambini prima di essere requisito dallo stato, e che ora sarà restituito alla comunità armena. Hrant Dink, il giornalista ucciso nel 2007, e la moglie Rakel avevano soggiornato nella struttura.


Chiesa armena di Germüş (Turchia) in restauro

La chiesa armena di Germüş (Gamurch, in armeno) nella provincia di Sanliurfa (Turchia orientale) è in fase di restauro nell’ambito del Progetto di sviluppo dell’Anatolia del sud-est. L’obiettivo è fare della chiesa e del vicino villaggio un luogo di attrazione del turismo, dopo decenni di abbandono e rovina.


La fragilità del bene

L’incontro La fragilità del bene al Teatro Franco Parenti di Milano, in occasione dell'uscita del nuovo libro del presidente di Gariwo, La lettera a Hitler. Con Gabriele Nissim, Antonio Ferrari, Don Gino Rigoldi, Francesco M. Cataluccio, Pietro Kuciukian, Andrée Ruth Shammah, Mischa Wegner e Livia Pomodoro.


Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Il libro

Survivors

Donald E. Miller, Lorna Touryan Miller

Multimedia

Intervista alla moglie di Hrant Dink

assassinato per aver difeso la memoria del genocidio armeno in Turchia.

La storia

Hassan Amdja

l'ufficiale circasso che denunciò i massacri a cui aveva assistito durante il genocidio degli armeni