English version | Cerca nel sito:

Chiesa armena di Germüş (Turchia) in restauro

nel piano di sviluppo turistico dell'area

La chiesa armena di Germüş, nei dintorni di Sanliurfa (Turchia orientale)

La chiesa armena di Germüş, nei dintorni di Sanliurfa (Turchia orientale) www.idolbin.com

La chiesa armena di Germüş (Gamurch, in armeno) nella provincia di Sanliurfa, nella Turchia orientale, è in fase di restauro nell’ambito del Progetto di sviluppo dell’Anatolia del sud-est (GAP) con l’obiettivo di fare della chiesa e del vicino villaggio di Dağeteği un luogo di attrazione del turismo. La chiesa, che risale al 19esimo secolo, aveva subito danni dopo il 1915, con l’abbandono del villaggio da parte della popolazione armena.

Il vicedirettore dell’Ente per la Cultura e il Turismo Aydın Arslan ha detto che i lavori di ricognizione sono completati e il restauro procede e che nella zona circostante saranno effettuati degli scavi archeologici, riferisce il quotidiano turco rriyet Daily News.

La chiesa si trova vicino al Göbeklitepe, uno dei templi più antichi al mondo che attrae molti turisti, ha detto il Presidente della Camera Regionale del Turismo Kamil Türkmen, ricordando che gli armeni vivevano nel villaggio di Germüş durante l'epoca ottomana e che la zona allora era un sito protetto.

La chiesa nel corso del tempo era stata danneggiata, depredata degli arredi ed utilizzata come stalla, come avvenuto per altri edifici di culto cristiani, rimasti senza custodia dopo la deportazione o la fuga degli armeni.

Germüş (a 10 km da Urfa) era il principale villaggio della zona prima del 1915, con 800 case e una scuola con oltre 100 allievi. Nei dintorni del villaggio ci sono le rovine di monasteri, che erano meta di pellegrinaggi. 

22 maggio 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Il libro

Terre dimenticate

Pietro Kuciukian

Multimedia

Il padre

di Fatih Akin (2015)

La storia

Mehmet Gelal Bey

il vali di Aleppo che si oppose al genocidio armeno