English version | Cerca nel sito:

Diario di Henry Morgenthau

diplomatico che denunciò il genocidio armeno

La casa editrice Guerini e Associati ha pubblicato una preziosa testimonianza storica: le memorie di Henry Morghentau, ambasciatore americano a Costantinopoli dal 1913 al 1916.

Secondo il console onorario d'Armenia in Italia Pietro Kuciukian, che ha firmato l'introduzione del libro, Morgenthau in qualità di ambasciatore è stato a diretto contatto con gli organizzatori della strage cercando in ogni modo di contrastare il piano di sterminio, respingendo il concetto di colpa collettiva e scrivendo: "Supponiamo pure che alcuni armeni vi abbiano tradito, ma perché eliminare vecchi donne e bambini?". "Non possiamo farne a meno, gli innocenti di oggi saranno i colpevoli di domani" fu la risposta del Ministro degli Interni turco.

Antonia Arslan scrive su L'Avvenire "Il Diario si inserisce in un filone di ricerca che si va accrescendo in modo impressionante. Negli ultimi anni - dopo tanti decenni di 'silenzio assordante' sulla questione armena - si stanno infatti moltiplicando gli studi, le analisi, le pubblicazioni di memorie di testimoni stranieri e di documenti recuperati dagli archivi che integrano, illuminano, chiariscono dati e fatti".

22 febbraio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Il libro

L’identità della chiesa armena. Ecumenismo e rinnovamento

P. Kuciukian (a cura di), Karekin I (Patriarca della Chiesa armena)

La storia

Hassan Amdja

l'ufficiale circasso che denunciò i massacri a cui aveva assistito durante il genocidio degli armeni