English version | Cerca nel sito:

Hrant Dink ucciso da un'organizzazione criminale

possibile la riapertura del caso

L'omicidio di Hrant Dink è stato commesso da un'organizzazione criminale, non da individui. È quanto stabilito dalla sentenza della Corte Suprema di Appello di Ankara, dopo un processo durato 5 anni.

I giudici hanno così ribaltato la sentenza di primo grado che aveva condannato gli esecutori del delitto - ma aveva escluso la presenza di un piano criminale dietro l'omicidio - con una decisione che apre la strada a un nuovo processo. "Abbiamo prove forti di un coinvolgimento degli ufficiali dello Stato nella cospirazione, e queste prove sono anche nel rapporto del Procuratore - ha dichiarato Fethiye Cetin, uno dei legali della famiglia Dink - Ora il caso deve essere riaperto".

Hrant Dink, cui è dedicato un albero al Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano, era un giornalista armeno, direttore del giornale bilingue Agos. Dalle pagine della rivista Dink si è battuto, nonostante l'ostilità dei nazionalisti turchi, per la ricerca del dialogo tra Turchia e Armenia, finendo così sotto processo con l’accusa di “lesa turchicità”. Il 19 gennaio 2007 l'uomo è stato ucciso da un sicario proprio davanti alla sede di Agos.

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato nel 2010 la Turchia per non aver protetto la vita di Hrant Dink e per aver violato la libertà di espressione dell'intellettuale. La Corte ha infatti stabilto che Ankara, pur essendo a conoscenza dei piani dei nazionalisti turchi contro il giornalista, non abbia fatto nulla per impedire l'omicidio.

Il processo contro l'esecutore materiale del delitto, Ogun Samast, si era chiuso nel 2011 con la condanna dell'uomo a 22 anni di carcere, ma le responsabilità delle forze dell'ordine turche erano state ignorate.

16 maggio 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Il libro

Storia degli armeni

D. Dédéyan (a cura di)

Multimedia

Il genocidio armeno

stralci di documentari e film

La storia

Ragip Zarakoglu

scrittore turco per i diritti delle minoranze