English version | Cerca nel sito:

Lettera dei 300 diffusa in internet

migliaia di adesioni alle scuse rivolte agli Armeni

A Istanbul i quattro intellettuali turchi Baskin Oran, Ahmet Insel, Ali Bayramoglu e Cengiz Aktar presentato una dichiarazione in cui si chiede scusa agli Armeni per gli avvenimenti del 1915.

Il 16 dicembre la lettera viene firmata da numerosi docenti universitari e giornalisti, 300 intellettuali turchi che invitano il Governo ad aderire all'iniziativa. La parola genocidio non vi viene pronunciata (l'art. 301 del codice penale turco sanziona col carcere chi parla del genocidio armeno, facendolo rientrare tra i reati di "insulto all'identità turca"), ma questo sembra essere il segno che nel Paese c'è un dibattito aperto sulla questione e che il sentire comune piano piano esprime un desiderio di conoscenza di ciò che avvenne in Anatolia agli inizi del secolo scorso. "La mia coscienza - si legge nell'appello - non accetta il diniego della Grande catastrofe. Respingo questa ingiustizia e simpatizzo con i sentimenti e la pena dei miei fratelli armeni. Mi scuso con loro." 
La lettera dei 300, che è stata diffusa via internet, ha ricevuto più di 15000 adesioni.
Trascorsi due giorni di silenzio Il Primo Ministro turco Erdogan, condanna duramente la petizione che circola via internet e che chiede perdono per il massacro degli Armeni del 1915.
È in questo clima lavorano scrittori e giornalisti come Alberto Rosselli (autore del libro L’olocausto armeno) e Dogan Ozguden, minacciati di morte da estremisti turchi, per aver parlato pubblicamente del Genocidio degli Armeni.

16 dicembre 2008

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Multimedia

Tribute to Hrant Dink

e altri video sui funerali

La storia

Beatrice Rohner

protesse i bambini armeni dal genocidio