English version | Cerca nel sito:

Mischa Wegner in memoria del genocidio armeno

24 Aprile 1915 – 24 Aprile 2015

Armin T. Wegner

Armin T. Wegner

Pensando a mio padre, cercando di vedere, attraverso i suoi occhi e nella sua memoria

-------------------------------------------------------

Così oggi scriverebbe mio padre: …è passato più di un secolo dal genocidio degli armeni. Popoli anche più grandi hanno sofferto grandissimi dolori. Pieno di vergogna il testimone è là…nei deserti dell’Anatolia e della Siria… ha visto qualche cosa che nessuno avrebbe potuto vedere senza rischiare la vita. Ma anche attorno a lui si è creato il silenzio, in qualsiasi direzione si rivolga bussa a porte chiuse: …“abbiamo il nostro dolore, perchè dobbiamo angustiarci del dolore degli altri da lungo tempo dimenticato?

Forse oggi non è più così. Un giorno, un mese, un anno, i giorni della memoria ritornano, ma per la prima volta ci sentiamo anche noi fuori dal tempo, sospesi, chiusi nelle nostre case senza comprendere il perché di quanto avviene, e forse siamo più disposti a pensare e a condividere il dolore degli altri.
Ci sembra di subire una violenza senza speranza per il futuro, come avvenne per gli Armeni in quel 24 Aprile 1915.

Il male del presente, ma soprattutto l’incertezza del futuro creano un legame forte con quel passato anche se avvertiamo l‘impossibilità di una comparazione. Si tratta di stati d’animo.
Per la prima volta viviamo la paura, sappiamo chi è il nemico ma difendersi è difficile, talvolta impossibile e possiamo soltanto cercare di non incontrarlo. Non comprendiamo, non sappiamo perchè la minaccia ci sovrasta, non viene concesso di chiedere il senso di tale accanimento e siamo trascinati in un percorso di cui non conosciamo l’esito.
Per la prima volta in questi giorni le giovani generazioni vivono direttamente nel loro animo la paura di quando, per eventi non previsti, ci si trova a metà tra il passato e il futuro e si scopre che nulla ritornerà come prima.

Nei genocidi chi deteneva il potere decreteva chi aveva il diritto di vivere e chi andava sterminato, con la sua storia e il suo passato. Uomini, donne, bambini,anziani strappati alla vita, persi per sempre, finiti nel dolore.

Oggi all'improvviso un membro della famiglia viene portato via sorretto da sconosciuti, non si sa verso quale destino. L’unica speranza, oggi come allora, è riposta nei Giusti nascosti che combattono per la vita, per fermare il male.

Mai come in questi giorni di confinamento possiamo aprirci al dramma del popolo armeno dimenticato e negato, sentire vicino il racconto del destino tragico di tanti esseri umani. Il nostro dolore e le nostre difficoltà possono far sorgere pensieri di condivisione e di solidarietà, prima di tutto rivolti a chi ci sta vicino, ma poi allargati al presente e al passato del mondo, ad una più vasta umanità.

Avvertiamo che questa volta non è solo commemorazione, celebrazione, ma la consapevolezza che gli armeni, gli ebrei e tanti altri popoli sono stati in un mondo di sofferenza e di male, che il male si ripete nei modi più inverosimili e inattesi e che ancora una volta mancano le risposte.

Armin T.Wegner, mio padre, un Giusto per gli armeni e per gli ebrei, un testimone di verità che ha parlato per “una più vasta invisibile comunità“, con la consapevolezza di non avere potuto completare l’opera avviata: la consegna a noi per un altro tratto di strada.

Mischa Wegner, figlio del Giusto Armin T. Wegner

Analisi di Mischa Wegner, figlio del Giusto Armin T. Wegner

24 aprile 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Metz Yeghern

il genocidio degli armeni

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo "dei Giovani Turchi", che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C.
Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo "dei Giovani Turchi".

leggi tutto

Scopri tra gli Editoriali

Multimedia

intervista allo scrittore turco Nedim Gursel

firmatario della lettera di scuse agli armeni diffusa nel dicembre 2008

La storia

Pietro Kuciukian

si batte contro il negazionismo e per onorare i Giusti del genocidio armeno