English version | Cerca nel sito:

Genocidio Cambogia

Il regista dei Khmer rossi teme per la sua vita

 Thet Sambath, il regista che ha girato il documentario Enemies of the people denuncia minacce e persecuzioni dal Governo cambogiano: "Mi vogliono morto",


Cambogia, carcere a vita per il compagno Duch

In appello il responsabile del terribile carcere S-21 è  stato condannato all'ergastolo perché "i crimini commessi sono tra i peggiori registrati nella storia dell'uomo".


Processo ai tre leader Khmer Rossi

Alla sbarra  il braccio destro di Pol Pot Nuon Chea. l'ex capo di Stato khmer Khieu Samphan e l'ex ministro degli esteri Ieng Sary, il volto internazionale del sanguinario regime comunista di Phnom Penh. Un sopravvissuto ha dichiarato: "Sono molto felice perché ho potuto conoscere tutta la storia".


Cambogia, alla sbarra gli ultimi Khmer rossi

Si apre a Phnom Penh il processo patrocinato dall'Onu a quattro leader dei Khmer rossi, accusati di genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità.


Genocidio cambogiano, un testimone racconta

Norng Chan Phal era solo un bambino quando vide per l'ultima volta sua madre e ora - proprio nella cella dove avvenne il loro ultimo incontro - racconta l'arresto dei suo genitori e le brutalità a cui ha assistito quando era confinato dietro le sbarre.


Prima condanna al regime dei Khmer rossi - 35 anni al grande fratello Duch

A trent'anni dalla fine del regime prima storica condanna per Kaing Guek Eav, direttore del campo S-21 in cui vennero uccise oltre 12.000 persone. L'imputato è stato condannato dalla Camera di consiglio straordinaria delle Corti della Cambogia sostenuta dall'Onu per i crimini di omicidio, tortura, stupro e crimini contro l'umanità.


Kmer Rossi

i "Grandi Fratelli" del genocidio in Cambogia

Il Genocidio avviene tra il 1975 e il 1978.
La Cambogia è un Paese del Sud-Est Asiatico confinante con il Vietnam. Colonizzato dai Francesi, nel 1953 diventa uno Stato indipendente sotto la guida del principe Norodom Sihanouk, rovesciata nel 1970 da un colpo di Stato del generale Lol Non, appoggiato dagli Stati Uniti. Dopo una dura campagna contro i comunisti e i vietnamiti presenti nel Paese, nel 1975 il potere passa ai Kmer Rossi, un piccolo gruppo di estrazione leninista popolare soprattutto nelle zone rurali del nord, che proclama la Repubblica della Kampucea Democratica.

leggi tutto

Il libro

L'eliminazione

Rithy Panh con Christophe Bataille

Multimedia

First they killed my father

il film di Angelina Jolie sul genocidio in Cambogia

La storia

Dith Pran

giornalista, fotografo e attivista dei diritti umani