English version | Cerca nel sito:

Claire Ly al Giardino dei Giusti di Milano

l'intervento

Claire Ly (foto inviataci da Claire Ly)

Claire Ly (foto inviataci da Claire Ly)

La Giusta e testimone del genocidio cambogiano Claire Ly ci ha inviato un ricordo della Giornata in onore dei Giusti tenutasi a Milano il 17 aprile. Nelle sue parole l'onore per aver rappresentato il suo Paese d'origine e la gratitudine per Gariwo e la sua lotta per ricordare le figure che si sono opposte moralmente ai genocidi e ai totalitarismi. 

Oggi, 17 aprile 2012, in questo giardino dei Giusti di Milano mi mancano le parole per dirvi la mia riconoscenza. La mia gratitudine travalica la mia umile persona. È la voce di coloro che sono morti nel silenzio assordante.
La ringrazio, Signor Sindaco, e ringrazio i responsabili di Gariwo di far vivere la memoria di quei milioni di innocenti distrutti dalla follia dei loro simili.
L’albero e la pietra si uniscono per formare la simbologia di ogni lavoro sulla memoria. La pietra incisa ci dice che ogni crimine contro l’umanità è scritto per sempre nel nostro cuore. Il male ci segna profondamente. Ma il male non ha mai avuto l’ultima parola sulla vita. L’albero che noi piantiamo oggi rappresenta questa vita che cresce, fiorisce e dà il suo frutto!
Ogni lavoro sulla memoria dev’essere a immagine della pietra posata ai piedi dell’albero : la memoria incisa per sempre, la memoria che non nega, ma anche la memoria che conserva la distanza per lasciar crescere la vita!
Che questa fede nella vita abiti in ognuno noi per sempre!. 


Leggi tutto l'intervento nel box a fondo pagina. 

15 maggio 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Kmer Rossi

i "Grandi Fratelli" del genocidio in Cambogia

Il Genocidio avviene tra il 1975 e il 1978.
La Cambogia è un Paese del Sud-Est Asiatico confinante con il Vietnam. Colonizzato dai Francesi, nel 1953 diventa uno Stato indipendente sotto la guida del principe Norodom Sihanouk, rovesciata nel 1970 da un colpo di Stato del generale Lol Non, appoggiato dagli Stati Uniti. Dopo una dura campagna contro i comunisti e i vietnamiti presenti nel Paese, nel 1975 il potere passa ai Kmer Rossi, un piccolo gruppo di estrazione leninista popolare soprattutto nelle zone rurali del nord, che proclama la Repubblica della Kampucea Democratica.

leggi tutto

Il libro

L'eliminazione

Rithy Panh con Christophe Bataille

Multimedia

First they killed my father

il film di Angelina Jolie sul genocidio in Cambogia

La storia

Claire Ly

in "Tornata dall'inferno" testimonia il genocidio cambogiano