Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

La memoria attraverso i vestiti

in mostra in Cambogia gli abiti delle vittime del genocidio

In quanto professionista nella conservazione dei tessuti, Julia Brennan ha lavorato per preservare dall'usura abiti di aristocratici, attori e cantanti di fama mondiale.

Tuttavia dal 2014 collabora anche con il Museo di Tuol Sleng, l'ex carcere cambogiano dove oltre 17.000 persone furono torturate e uccise dai khmer rossi durante la dittatura genocida che portò allo sterminio di un quarto della popolazione negli anni '75-'79.

Nell'ex prigione cambogiana il pezzo forte sono le fotografie delle vittime. Tuttavia con il tempo si è capito che gli abiti, comprese le uniformi dei detenuti come al Museo di Auschwitz-Birkenau e nel Museo della Shoah di Washington, sono molto efficaci nel trasmettere la memoria perché permettono ai visitatori di rendersi conto di quanto l'orrore colpisse individualmente le persone.

Nelle parole di Brennan: "Non necessariamente si piange se si vede un teschio, ma se ci si imbatte in un maglione che sembra quello di nostra madre sicuramente l'effetto è diverso". 

Per questo l'esperta ha lavorato come consulente dei principali musei della Memoria, anche in Rwanda. In questo Paese in particolare ha realizzato un sistema di "microclimi" che consentono di conservare gli abiti con un effetto di grande naturalezza. "Perché si attivino i ricordi, infatti - spiegano al museo - bisogna che la maglia non abbia un aspetto troppo liso".

Una speciale attenzione viene dedicata a elementi come lo sporco o gli insetti, perché possono rivelare informazioni preziose sul contesto in cui vissero le vittime del genocidio.

Brennan sta formando lo staff del Museo dell'ex prigione di Tuol Sleng a compiere queste opere di conservazione degli abiti. I suoi allievi, come Khuo Chenda e Kong Kuntheary, hanno raccontato al sito AP News che sono molto orgogliosi di poter aiutare la conservazione di reperti importanti, "anche per i prossimi 100-200 anni".

13 marzo 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Kmer Rossi

i "Grandi Fratelli" del genocidio in Cambogia

Il Genocidio avviene tra il 1975 e il 1978.
La Cambogia è un Paese del Sud-Est Asiatico confinante con il Vietnam. Colonizzato dai Francesi, nel 1953 diventa uno Stato indipendente sotto la guida del principe Norodom Sihanouk, rovesciata nel 1970 da un colpo di Stato del generale Lol Non, appoggiato dagli Stati Uniti. Dopo una dura campagna contro i comunisti e i vietnamiti presenti nel Paese, nel 1975 il potere passa ai Kmer Rossi, un piccolo gruppo di estrazione leninista popolare soprattutto nelle zone rurali del nord, che proclama la Repubblica della Kampucea Democratica.

leggi tutto

Multimedia

First they killed my father

il film di Angelina Jolie sul genocidio in Cambogia

La storia

Claire Ly

in "Tornata dall'inferno" testimonia il genocidio cambogiano