English version | Cerca nel sito:

Genocidio Herero e Nama

La Germania riconosce il genocidio di Herero e Nama

“Sono lieto e grato che siamo riusciti a raggiungere un accordo con la Namibia su come affrontare insieme il capitolo più oscuro della nostra storia comune”, ha affermato oggi il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas. In una dichiarazione congiunta, che è frutto di oltre sei anni di negoziati, la Germania riconosce come genocidio ciò che accadde nell'allora colonia dell'Africa del Sud-Ovest tra il 1904 e il 1908, impegnandosi a pagare 1,1 miliardi di euro come “gesto di riconoscimento”.


Herero e nama, fu genocidio

Nel 2015 Angela Merkel e nel 2017 il Parlamento tedesco si erano già espressi in tal senso, definendo genocidio lo sterminio perpetrato dall’esercito dell’Imperatore tedesco tra il 1904 e il 1908 ai danni delle tribù herero e nama in Namibia.
Oggi, dopo anni di negoziati istituiti per “curare le ferite” di quelle atrocità, i colloqui tra Germania e Namibia sarebbero giunti a completamento. In base alle notizie, il Presidente Frank-Walter Steinmeier sarebbe pronto a chiedere perdono per il genocidio in una cerimonia di scuse ufficiali.


Herero, la lunga lotta per il riconoscimento del genocidio

Tra il 1900 e il 1908 almeno 65.000 persone di etnia herero e nama furono uccise dall'esercito tedesco in Namibia. Per il loro sterminio erano stati istituiti dei lager e ci fu perfino un traffico di cadaveri a scopo scientifico. Oggi la Germania fa alcuni passi per ammettere il suo crimine, ma si rifiuta di applicare retroattivamente la Convenzione del 1948.


Negare, minimizzare e giustificare i genocidi

Editoriale di Anna Foa, storica e docente all'Università La Sapienza di Roma

Non esiste un solo negazionismo, come non esiste un solo genocidio. Con questo termine, “negazionismo”, designiamo infatti tutti gli atteggiamenti volti a dichiarare nullo o mai avvenuto ogni genocidio o ad attribuirne le vittime, se


Il genocidio degli herero

Nel 1904 i popoli indigeni della Namibia si ribellarono alla dominazione tedesca. Furono rinchiusi in campi di concentramento e costretti a cuocere i crani dei loro congiunti. L'ordine era: "Ogni herero verrà ucciso, compresi i bambini e le donne. Andatevene tutti o vi spareremo".