Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Per una Collina dei Giusti in Rwanda

le iniziative guidate da Yolande Mukagasana

Immagine del rendering del futuro Giardino dei Giusti rwandese

Immagine del rendering del futuro Giardino dei Giusti rwandese Yolande Mukagasana

Yolande Mukagasana, fondatrice di GARIRWA e testimone infaticabile del genocidio rwandese onorata nel Giardino dei Giusti di Milano, ha tenuto una cerimonia il 28 marzo scorso per commemorare i 21 anni dalla tragedia nella quale morirono oltre un milione di persone fra tutsi e hutu moderati. 

Durante l'incontro con i superstiti è stata ascoltata la testimonianza di un Giusto, Jean-Francois Gisimba, ed è stato presentato in forma audiovisiva un rendering di quello che potrà essere il Giardino dei Giusti del Rwanda

Le procedure per ottenere questo grande passo avanti per il dialogo e la riconciliazione nel Paese sono ancora in corso. Il tema è sentito e si spera di poter ottenere la terra su cui fare sorgere il luogo della memoria al più presto. 

20 aprile 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Rwanda 1994

lo sterminio dei tutsi e degli hutu moderati

Dal 6 aprile al 16 luglio 1994 si compie in Rwanda, piccolo Stato dell’Africa centrale, nella regione dei Grandi Laghi, il genocidio dei tutsi e degli hutu moderati per mano degli ultrà dell’Hutu Power e dei membri dell’Akazu.
La regione Rwanda-Burundi, esplorata a fine ‘800 dai tedeschi, viene affidata con mandato della Società delle Nazioni, nel 1924, al Belgio. Forti delle teorie fisiognomiche ottocentesche, i belgi si appoggiano, nello sfruttamento coloniale, all’etnia tutsi, che si era conquistata la corona intorno al XVI secolo, unificando il Paese e instaurando un regime monarchico di tipo feudale, sottomettendo gli hutu e i twa. Nel 1933 i belgi inseriranno l’etnia di appartenenza (hutu e tutsi)  sui documenti di identità ruandesi.

leggi tutto

La storia

André Sibomana

giornalista indipendente nel Rwanda del genocidio