English version | Cerca nel sito:

Rwanda, un'assoluzione eccellente

alla Corte Internazionale di Arusha

Il 12 febbraio il Tribunale per i crimini commessi nel genocidio del Rwanda istituito dall'ONU nella città tanzaniana ha assolto l'ex capo di una formazione paramilitare Augustin Ndindiliyamana dall'accusa di genocidio, argomentando che il generale "aveva un controllo limitato delle operazioni e vi si è opposto". 
L'ex miliziano hutu ha già scontato 11 anni di custodia cautelare. Secondo il corrispondente della BBC da Arusha Balthasar Nduwayezu, Ndindiliyamana non è in grado di vivere altrove dalla casa protetta della Corte Internazionale, perché né il Rwanda, né nessun altro Stato sarebbe pronto ad accoglierlo. Con lui sono stati processati altri tre leader hutu: Francois-Xavier Nzuwonemeye, prosciolto dall'accusa di aver ordinato l'assassinio della premier Agathe Uwilingiyamana, Innocent Sagahutu, la cui pena è stata ridotta da 20 a 15 anni, e il Generale Augustin Bizimungu, condannato a 30 anni, che è ricorso in appello. 

Secondo la sopravvissuta e testimone del genocidio rwandese Yolande Mukagasana, "la Francia e l'ONU sono moralmente sul banco degli imputati. Per questo non possono assicurare una giustizia vera alle vittime. Se però continueranno a negare il genocidio, ciò si rifletterà negativamente anche sul difficoltoso processo di riconoscimento dei Giusti, perché anche se i colpevoli si dichiarano pentiti e chiedono perdono, e le vittime accettano di perdonarli e fare progetti comuni con loro, il genocidio dev'essere riconosciuto dalle autorità internazionali. Anche perché ora il vecchio schema che ha portato al genocidio rwandese si sta riproponendo in Repubblica Centrafricana, dove i cristiani stanno massacrando i musulmani. È molto triste". 

17 febbraio 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Rwanda 1994

lo sterminio dei tutsi e degli hutu moderati

Dal 6 aprile al 16 luglio 1994 si compie in Rwanda, piccolo Stato dell’Africa centrale, nella regione dei Grandi Laghi, il genocidio dei tutsi e degli hutu moderati per mano degli ultrà dell’Hutu Power e dei membri dell’Akazu.
La regione Rwanda-Burundi, esplorata a fine ‘800 dai tedeschi, viene affidata con mandato della Società delle Nazioni, nel 1924, al Belgio. Forti delle teorie fisiognomiche ottocentesche, i belgi si appoggiano, nello sfruttamento coloniale, all’etnia tutsi, che si era conquistata la corona intorno al XVI secolo, unificando il Paese e instaurando un regime monarchico di tipo feudale, sottomettendo gli hutu e i twa. Nel 1933 i belgi inseriranno l’etnia di appartenenza (hutu e tutsi)  sui documenti di identità ruandesi.

leggi tutto

Multimedia

Kinyarwanda

di Alrick Brown (2011)

La storia

Eric Eugene Murangwa

sopravvissuto al genocidio rwandese, oggi utilizza il calcio come strumento per promuovere tolleranza, unità e riconciliazione tra i giovani