English version | Cerca nel sito:

Per la prima volta a processo per il genocidio degli Yazidi

all’alta corte di Francoforte

L'imputato, identificato solo come Taha al-J, nasconde il volto in aula prima dell'inizio del suo processo

L'imputato, identificato solo come Taha al-J, nasconde il volto in aula prima dell'inizio del suo processo Arne Dedert/Pool/AFP

Un uomo iracheno è stato processato il 24 aprile a Francoforte per genocidio, omicidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Con l'accusa di aver preso parte, come membro dello Stato Islamico, allo sterminio della minoranza religiosa yazida e di aver torturato e ucciso una bambina di cinque anni, acquistata come schiava insieme alla madre anch'essa vittima delle torture, incatenandola e lasciandola morire di sete a Falluja, Iraq. Taha Al-J, 27 anni, il cui cognome non è stato reso noto nel rispetto delle leggi tedesche sulla privacy, rischia l’ergastolo. Si ritiene che il suo processo sia il primo al mondo a portare l'accusa di genocidio in relazione alle atrocità perpetrate a danno degli yazidi.

La giovane yazida è morta nel 2015 dopo essere stata incatenata alle sbarre di una finestra, esposta a una temperatura di 50 °C.

La moglie di Al-J. - identificata come Jennifer W., nata in Germania e convertita all'Islam - è stata separatamente processata per la morte della ragazza dallo scorso aprile a Monaco, con l'accusa di omicidio, crimini di guerra e appartenenza a un'organizzazione terroristica. I processi dei due imputati fanno parte di una serie, nelle aule dei tribunali occidentali, riguardante i crimini commessi da estremisti dello Stato Islamico durante gli anni di attività in Iraq e Siria per la creazione del califfato.

La madre della vittima, chiamata solo con il suo nome di battesimo, Nora, ha ripetutamente testimoniato al processo contro la tedesca W. sul tormento che sua figlia Rania aveva subito. La donna è stata rappresentata dall'avvocato britannico Amal Clooney e l'attivista yazida Nadia Murad - testimone diretta del massacro della propria famiglia e della violenza dei miliziani dell’Isis e premio Nobel per la pace 2018 insieme al medico congolese Denis Mukwege.

"L'intenzione di Taha Al-J." - catturato in Grecia ed estradato in Germania un mese dopo l'inizio del processo a sua moglie - "secondo le accuse era quella di sterminare la minoranza degli yazidi con l'acquisto delle due donne yazide e di ricavare benefici personali dai loro servizi nella propria casa", ha dichiarato in una nota venerdì Charlotte Rau, portavoce del tribunale. I documenti del tribunale affermano che Al-J. si è unito all'ISIL nel marzo 2013, ricoprendo diverse posizioni all'interno della sua gerarchia nella città siriana di Raqqa, nonché in Iraq e Turchia.

Nadia Murad è stata intervistata da Martina Landi, responsabile della redazione di Gariwo, a maggio del 2016 in occasione del Festival dei Diritti Umani di Milano. Ecco il video dell'intervista:

27 aprile 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidio Yazidi

il dramma del Sinjar

Il 3 agosto 2014 i combattenti dello Stato Islamico dell’Iraq occupano il Sinjar, regione nel Nord dell’Iraq a meno di 15 chilometri dal confine con la Siria. Inizia così il genocidio yazida: per gli uomini la scelta è fra la morte e la conversione, mentre per le donne non esiste scelta: verranno deportate, violentate, ridotte in schiavitù e vendute.

Multimedia

Sulle sue spalle

di Alexandria Bombach, 2018