Gariwo: la foresta dei Giusti

English version | Cerca nel sito:

GULag

Un riformatore reazionario

Zhou Youguang, morto a 111 anni a Pechino, è definito dal New York Times "l'uomo che ha reso l'alfabeto cinese simile all'ABC". Ha contribuito enormemente al progresso dei cinesi nell'alfabetizzazione, ma fu rinchiuso in un campo di lavoro e costretto a espiare la colpa di non allinearsi ai diktat di Mao. 


Il primo museo virtuale del GULag

All'indirizzo Gulag.cz si può oggi visitare il primo museo virtuale dei campi di lavoro forzato dell'Unione Sovietica realizzato in Repubblica Ceca dall'Istituto Ustrcr, in collaborazione con Memorial e altre associazioni molto importanti.


The, fierezza e mistero

Tutto ciò conteneva una tazza appartenuta a Guta e Mayer Rak, ebrei polacchi che ebbero le famiglie sterminate dai nazisti e furono rinchiusi nel GULag dopo aver tentato di fuggire a est. Dopo aver letto del ritrovamento di un oggetto simile ad Auschwitz, la nipote Sabina ha deciso di svelare la storia dei nonni. 


Polonia, nasce il Museo dei Giusti

Nella cittadina polacca di Markowa, il 17 marzo, sarà inaugurato un museo sugli Ulma, una famiglia di Giusti che fu massacrata dai nazisti per aver cercato di salvare alcuni ebrei. L'Ambasciata di Polonia a Roma dedicherà un pomeriggio ai rapporti tra polacchi ed ebrei sotto la doppia occupazione russa e tedesca. 


​L'altro Olocausto

Editoriale di Dario Fertilio, giornalista e scrittore

"Li fecero viaggiare dentro carri merci sigillati, le loro cose viaggiavano a parte, presero con sé soltanto da mangiare, quello che avevano a portata di mano. A una delle stazioni di transito, scriveva la mia amica, erano stati fatti


La Russia apre il primo museo statale sul GuLAG

"La vergogna ricada su di noi se ricordiamo solo le vittorie e cancelliamo le nostre grandi sconfitte" ha dichiarato Natalia Solzenicyna, vedova dello scrittore Aleksandr, inaugurando l'edificio di 4 piani che documenta gli orrori stalinisti. 


GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Il libro

Viaggio nella vertigine

Evgenija S. Ginzburg

Multimedia

Il poligono di Butovo (2)

Documentario della rete Storia e Memoria, 2008

La storia

Famiglia Pergolo

una famiglia italiana perseguitata dal regime comunista in Crimea