English version | Cerca nel sito:

GULag

Il Gulag di Yodok

A Yodok, in Corea del Nord, c'è un Gulag per i prigionieri politici. Il suo nome ufficiale è l suo nome ufficiale è Kwan-li-so (centro di ri-educazione) n. 15. 


Anatoly Razumov, il cercatore di verità

Intervista di Francesco Bigazzi al direttore del Centro nomi restituiti di San Pietroburgo, che da 25 anni conserva la memoria dei milioni di vittime del comunismo sovietico. "Sono pieno di dubbi", dice l'autore del Martirologio di Leningrado, "ma anche ottimista. I giovani vengono da noi e ci scrivono: ricorderemo per sempre queste eroiche persone!". 


"La memoria è un gesto d'amore"

Il giornalista Francesco Bigazzi presenta il lavoro di Anatoli Razumov, Presidente del Centro Nomi Restituiti che si occupa di ridare un'identità alle vittime del terrore staliniano. Nella Biblioteca nazionale di San Pietroburgo gremita di persone spesso parenti dei perseguitati, sfidando i miti comunisti sono state raccontate le storie di 5.220 vite falciate dai soviet. Razumov ha anche espresso apprezzamento per il lavoro di Gariwo.  


La morte di Kim Jong Il

È morto il 17 dicembre Kim Jong Il, detto il "Caro Leader" dalla propaganda del regime comunista al potere dal 1945 in Corea del Nord. Lascia dietro di sé la fame e un feroce sistema di gulag, oltre a una pesante incognita dovuta all'alleanza con la Cina e al programma nucleare. Ma per molti sudditi la colpa di tutto è dei "traditori" e "incapaci"che avrebbero agito a sua insaputa.


Premi Sacharov riuniti a Bruxelles

Il 23 novembre, il Presidente del Parlamento europeo Jerzy Buzek ha invitato i vincitori dell'ambito riconoscimento a discutere del ruolo delle tecnologie nella difesa dei diritti umani. Dall'incontro emergono un auspicio di maggior coinvolgimento dell'Unione Europea in questo campo e qualche riserva sul ruolo di Facebook e Twitter


La figlia di Stalin muore negli USA

L'unica figlia del dittatore sovietico, Svetlana Alliluyeva, è deceduta a 85 anni nel Wisconsin. Nel 1966 lasciò l'URSS per l'India, dove chiese asilo politico all'ambasciata USA. Malgrado i diritti d'autore delle sue memorie, visse in povertà negli Stati Uniti con il nome di Lana Peters. Aveva denunciato il gulag e definito il padre "un mostro morale e spirituale". 


GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Multimedia

Il poligono di Butovo (3)

Documentario della rete Storia e Memoria, 2008

La storia

Roberto Anderson

Il comunista romantico, proveniente dall’alta borghesia romana, emigrato in Urss per costruire il socialismo e fucilato da Stalin nel 1938