English version | Cerca nel sito:

GULag

Il Nobel Svetlana Aleksievič, scrittrice coraggiosa

Anna Maria Samuelli ha intervistato Sergio Rapetti, consulente editoriale e traduttore dei più importanti testi di saggistica e letteratura russa e sovietica del periodo del “dissenso”. Tra gli autori, per citarne solo alcuni, Solženicyn, Sinjavskij, Šalamov, Sacharov, Vojnovič, Akunin, Averincev, Makanin, Mel’gunov, Volos, oltre al Premio Nobel per la letteratura 2015 Svetlana Aleksievič.


Esce l'opera omnia di Gourguen Mahari

Pubblichiamo di seguito l'intervista che lo storico francese Gérard Malkassian ha realizzato con Grigor Adchémian, figlio del grande autore armeno di opere, per ora note solo al pubblico francese, come Il filo spinato in fiore e Gli orti in fiamme.


Gli italiani di Crimea ottengono lo status di "deportati"

Vladimir Putin ha aggiornato il decreto sulla riabilitazione delle persone colpite dalla deportazione illegale in Crimea, aggiungendo tra i gruppi considerati perseguitati anche gli italiani. Il riferimento è ai nostri connazionali - in particolare pugliesi - che sono stati rinchiusi nel GULag dopo il 1942.


L'ultima dimora dei dissidenti

Un gruppo di storici, giornalisti, docenti e attivisti ha fondato in Russia The last address, associazione che colloca targhette sulle fiancate dei palazzi dove i dissidenti sovietici vissero per l'ultima volta prima di essere deportati.


Uno scrittore a parte: Gustaw Herling

Lo scrittore polacco-napoletano Gustaw Herling (1928-2000), maestro del racconto e della forma diaristica, era un uomo che non amava i compromessi. Un po’ per carattere, ma soprattutto per appartenenza a un gruppo di persone che, riuscirono tutto sommato a cavarsela nelle molte situazioni drammatiche che la vita riservò loro. Di Francesco M. Cataluccio


Russia, chiude il museo del GULag Perm '36

L'associazione Memorial, che lo gestiva da 18 anni, accusata da Mosca di essere "estremista" e fungere da "quinta colonna" degli interessi USA. Il memoriale "cesserà le sue attività e inizierà un processo di auto-liquidazione".  


GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Multimedia

Una bambina contro Stalin

Cult Book dal libro di Gabriele Nissim

La storia

Andrea Bertazzoni

il “compagno” fortunato che scampò a tutte le purghe di Stalin, ma non a quella del Pci