English version | Cerca nel sito:

GULag

Il dramma dei profughi nordcoreani

Per la Cina, che ne ha appena respinti nove alla frontiera, scappano per motivi economici. Ma oltre alla povertà i nordcoreani rischiano il gulag. E le sanzioni pensate per colpire il programma nucleare del Paese hanno "l'effetto indesiderato" di tagliare i fondi alle associazioni per i diritti umani. 


Inclini all'amore

Il libro di Tijana M. Djerković racconta la storia della sua famiglia e in particolare di suo padre Momcilo, poeta jugoslavo sopravvissuto a quattro anni di gulag sull'isola dalmata di San Gregorio.


Viaggio nel tritacarne sovietico

"Arresti, interrogatori, trasporto in treni merci non riscaldati, lavori forzati, distruzione di famiglie, esilio e morti premature" caratterizzarono la repressione in URSS e talvolta nell'odierna Russia. Abbiamo analizzato un libro e un sito Internet che esplorano il mondo del GULag.


Donne torturate nei lager cinesi

Nel settembre 2011, la sessantaduenne Wang Guilan lasciava il gulag di Masanjiao, nella provincia di Liaoning, con un rotolo di diario nascosto nella vagina. Si trattava della testimonianza della compagna di cella Liu Hua, che raccontava le torture sistematiche perpetrate ai danni delle internate.


Prigioniera di Hitler e Stalin

Storia di Margarete Buber-Neumann, testimone dei lager stalinisti e nazisti. Le alterne fortune del suo resoconto della detenzione testimoniano del disagio di molti intellettuali del Novecento a riconoscere i crimini del comunismo, primo tra tutti il patto con Hitler nel 1939. 


La censura cinese ferma Google

L'azienda USA non potrà notificare in anticipo agli utenti cinesi l'utilizzo dei termini vietati dalla censura per avvisarli dei pericoli che corrono. Tra questi anche l'invio nei laogai, i campi di lavoro cinesi. Ma nonostante i rischi, alcuni giornalisti hanno il coraggio di chiedere riforme costituzionali e, quando censurati, protestare.  


GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Il libro

Tutto scorre

Vasilij Grossman

Multimedia

Il poligono di Butovo (1)

Documentario della rete Storia e Memoria, 2008

La storia

Vincenzo Baccalà e Maria Pia Piccioni

una testimonianza italiana dai gulag sovietici